Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Otaleg!, ecco come il gelato diventa sostenibile

  1. Home
  2. My generation
  3. Otaleg!, ecco come il gelato diventa sostenibile

Per ridurre i costi in bolletta e offrire gusti sempre nuovi ai propri clienti, Marco Radicioni lavora soprattutto di notte nel suo “Acquario”, il laboratorio a vista di una delle migliori gelaterie di Roma

Insignita del Certificato d’Eccellenza da “TripAdvisor” e riconosciuta nel 2014 come miglior gelateria della Capitale da “Puntarellarossa.it”, “Scatti di Gusto” e il “Messaggero”, Otaleg! deve sicuramente il proprio successo all'estro creativo del fondatore Marco Radicioni.

“Otaleg! è nata nel 2012 da un mio bisogno incontrollabile di comunicare – racconta a Energie Sensibili Radicioni – e io fondamentalmente mi esprimo con il gelato. Per questo motivo ogni giorno produco i miei gusti ex novo, senza conservanti, in modo che i miei clienti possano assaggiare sapori sempre diversi”.

La produzione quotidiana di Radicioni inizia nel cuore della notte, anche per ridurre i costi della bolletta elettrica, all'interno dell’Acquario, un laboratorio organizzato a vista dei clienti, proprio accanto alla porta d’ingresso. “Volevo mostrare in maniera onesta il lavoro che c’è dietro ogni gelato – spiega Radicioni – anche se, a dire il vero, i miei clienti sono spesso molto più interessati a gustarsi il prodotto finito”.