Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Milano, Torino e Genova: il triangolo “smart” d’Italia

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Milano, Torino e Genova: il triangolo “smart” d’Italia

Le tre città firmeranno il prossimo 30 maggio un protocollo d’intesa per intercettare i finanziamenti europei e diventare più intelligenti

Milano, Torino e Genova guideranno l’evoluzione delle smart cities italiane a partire dal prossimo 30 maggio, quando nella città piemontese verrà firmato il protocollo di intesa che sancirà la nascita di un vero e proprio progetto interregionale per intercettare i finanziamenti europei. Le tre città capoluogo di Lombardia, Piemonte e Liguria si faranno pioniere del progresso di evoluzione e trasformazione delle città nostrane più “intelligenti”. Come? Attraverso la riduzione degli sprechi energetici, il via libera ad una mobilità a basso impatto ambientale e la sperimentazione di progetti di innovazione sociale a partire dall’uso consapevole delle tecnologie.

La notizia dell’accordo tra le tre città è stata data da Cristina Tajani, assessore alle Politiche del Lavoro, Ricerca e Università di Milano in occasione del convegno “Milano + Expo = Smart City”, una occasione per tutti i partner tecnologici del grande evento in programma nel 2015 di presentare per la prima volta i propri progetti che diverranno parte integrante delle strutture e infrastrutture del centro cittadino. Il cammino di Milano verso smart city ha preso il via due anni fa e ad oggi conta oltre 70 iniziative tese a sviluppare il risparmio energetico, la sostenibilità e l’innovazione tecnologica: 8 App già attive, 11 progetti finanziati dall'Unione europea per un controvalore di 200 milioni di euro, 500 hot spot wi-fi attivi, 140 “data set” a disposizione di ricercatori e utenti per lo sviluppo di applicazioni e oltre 6.000 km di fibra ottica posata.

L’annuncio arriva anche alla vigilia degli Smart City Days di Torino, la grande manifestazione che dal 24 maggio al 9 giugno che porterà in piazza e tra la gente le buone pratiche per migliorare la qualità della vita, consumando la minor quantità possibile di risorse naturali e tutelando l’ambiente. L’obiettivo è quello di far conoscere, attraverso piacevoli momenti di festa, un altro modo di consumare energia, muoversi, fare acquisti senza abbassare  il livello della qualità della vita.