Sorgenia
cerca
Accedi accedi

“Le parole come ponti per una comunicazione online non violenta”

  1. Home
  2. My generation
  3. “Le parole come ponti per una comunicazione online non violenta”

Continua l’impegno di Parole O_Stili, alla sua seconda edizione. Il Manifesto della comunicazione non ostile esteso alle aziende, Sorgenia fra i contributor

Usare le parole come ponti, promuovere il rispetto del prossimo nella comunicazione, educare piccini e adulti alla conversazione non ostile. Sono ambiziosi gli obiettivi di Parole O_Stili, progetto a cui anche Sorgenia ha aderito con orgoglio e che riunisce oltre mille esperti della rete, giornalisti, manager, politici, docenti, comunicatori, influencer, aziende. La seconda edizione dell’evento ha ribadito, però, con le parole degli organizzatori, che “l’impossibile non esiste”. All’incontro, che ha avuto come teatro il Palazzo dei Congressi della Stazione Marittima di Tireste, è stata presentata un’importante novità: l’ampliamento del Manifesto della Comunicazione non ostile anche alla aziende.

 

IL MANIFESTO DELLA COMUNICAZIONE NON OSTILE

La prima versione del Manifesto della Comunicazione non ostile è stato presentato nella scorsa edizione di Parole Ostili. Si tratta di un decalogo, scritto in prima persona, che ha l’obiettivo di ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi. Uno strumento, per riprendere la definizione che ci ha fornito Rosy Russo, fondatrice dell’Associazione Parole O_Stili, “che possa aiutare le persone a convivere online”.

Quest’anno il decalogo è stato ampliato, con un nuovo focus dedicato alla comunicazione delle aziende, sia quella interna all’impresa sia quella veicolata al pubblico di clienti, prospect e stakeholder. Le 10 regole della prima versione del Manifesto sono state dunque declinate in chiave business.

 

“RISPETTO ED EMPATIA LE NOSTRE STELLE POLARI"

Tra le realtà che hanno partecipato alla stesura del Manifesto della Comunicazione non ostile per le aziende anche Sorgenia. Simone Lo Nostro, Direttore Mercato & Ict della Digital Energy Company, ha preso parte all’evento, spiegando nel corso del panel Business il senso dell’impegno del fornitore di energia.

“Crediamo che l’empatia sia la chiave per realizzare una comunicazione non ostile – ha detto Lo Nostro. Noi per primi ci chiediamo sempre quali reazioni possono innescare nell’altro le parole che scegliamo. Questo non significa avere uno stile ingessato, tutt’altro: quando è possibile usiamo lo humor, anche per affrontare situazioni potenzialmente critiche, che di certo online non mancano. È una strada che abbiamo intrapreso all’indomani della scelta, coraggiosa, di affidarci solo ai canali online. È chiaro che se vendi solo sul web devi distinguerti e risultare non solo il più conveniente, ma anche un po’ simpatico, che non guasta mai”.

 

10 RACCONTI PER PARLARE DI RISPETTO

Altra importante novità del 2018 per il network di Parole O_Stili è  la pubblicazione di “Parole Ostili – 10 racconti”. Il libro (Editori Laterza) è curato da Loredana Lipperini e raccoglie 10 racconti ispirati liberamente ai punti del Manifesto della Comunicazione non ostile e scritti da altrettanti autori di fama internazionale.

Uno strumento per analizzare attraverso la narrativa, come si legge nella quarta di copertina, “futuri possibili anticipati dal nostro presente o che svelano ciò che nel presente passa inosservato e che tuttavia condiziona e regola il nostro modo di essere e di interagire con gli altri”.