Sorgenia
cerca
Accedi accedi

La storia a portata di smartphone: ecco i migliori podcast

  1. Home
  2. My generation
  3. La storia a portata di smartphone: ecco i migliori podcast

In una fase in cui anche la scuola è costretta alle lezioni a distanza per via dell’emergenza Covid-19, ecco come coltivare una passione molto diffusa

La storia, i suoi retroscena, gli approfondimenti e le curiosità raccontate in pillole e in maniera interessante, alla portata di appassionati e curiosi. Nel panorama dei podcast, che godono di un pubblico affezionato e che spesso sono fonti d’informazione fondamentali per gli amanti di alcune discipline “di nicchia”, ad affermarsi nel gruppo dei più amati dagli italiani ci sono anche quelli che riguardano la storia. Per accedere a questi contenuti, tutti organizzati in puntate, e seguirli man mano che vengono pubblicati o partendo in ordine di tempo dal primo al più recente, basta avere una connessione a internet e un device in grado di riprodurre file audio. Tra i più utilizzati ci sono ovviamente gli smartphone, che consentono la fruizione di questi contenuti in mobilità, mentre ad esempio si viaggia o si cammina.

Oggi, con l’emergenza coronavirus in corso e l’impossibilità di spostarsi, i podcast possono essere invece uno strumento per sfruttare al meglio un po’ del tempo libero a cui in molti sono costretti per le misure di contenimento del contagio. Si tratta di podcast che ovviamente arrivano a diversi livelli di profondità nell’analisi dei fatti e dei personaggi della storia, e che in alcuni casi potrebbero tornare utili anche come ulteriore strumento di approfondimento per gli studenti, impegnati questo periodo nelle lezioni a distanza.

LA STORIA RACCONTATA DA ALESSANDRO BARBERO

A raccogliere una serie di lezioni e conferenze di Alessandro Barbero, tra i principali divulgatori del nostro Paese, è Fabrizio Mele. Il podcast, sottolinea il curatore, è una raccolta non ufficiale che mette insieme - a scopo divulgativo - una selezione di lezioni di Barbero tenute al Festival della Mente di Sarzana, insieme ad altri materiali estrapolati da Youtube, “senza scopo di lucro e con il solo fine di rendere facilmente accessibili contenuti culturali già gratuiti”.

Alessandro Barbero, è uno storico, scrittore e accademico, specializzato in storia del Medioevo e in storia militare. Nel 2012 ha pubblicato a quattro mani con Piero Angela il saggio “Dietro le quinte della storia”, mentre dall’anno successivo ha curato le introduzioni dei documentari storici della trasmissione AcDc mandati in onda da Rai Storia. Ha fatto parte dei comitati scientifici delle trasmissioni “Il tempo e la storia” e “Passato e presente” di Rai3. Tra le sue collaborazioni quella con Tuttolibri, inserto settimanale de La Stampa, e con La Domenica del Sole24ore. Nel 2018 gli è stato assegnato il premio Alassio per l’informazione culturale.

BISTORY, IL LATO B DELLA STORIA

Il lato B di un vinile 45 giri era quello che accompagnava il singolo destinato al successo, normalmente stampato sul lato A, ma che non per questo era un brano di poco valore. Anzi, spesso il lato B è stato amato dagli appassionati come o più del lato A, e ha rappresentato un “tesoro nascosto”. Allo stesso modo anche la storia può avere un lato B, una serie di fatti curiosi che posso essere scoperti da chi vuole andare più in profondità. Nasce con questo scopo il podcast Bistory, che si impegna a dare visibilità a personaggi e fatti che spesso non hanno ottenuto grande notorietà, ma che nonostante questo hanno giocato un ruolo di primo piano negli eventi del passato. A curare la pubblicazione di questo podcast è Andrea W. Castellanza, esperto di comunicazione e formazione, autore e speaker radiofonico. Oltre a “Bistory: storie dalla storia”, che è uno dei podcast di narrazione storica più ascoltati in Italia, è direttore creativo di tavolaspigolosa.com, format di enogastronomia e comunicazione.

GOCCE DI STORIA: PODCAST PER PASSIONE

Si autodefinisce come un podcast amatoriale, realizzato dai suoi autori per passione. Viene pubblicata circa una nuova puntata ogni mese, e gli audio si possono ascoltare anche sul sito internet dedicato, goccedistoria.it. L’autrice è Anna Lisa Manotti, appassionata di Storia e collaboratrice di Wikipedia per la traduzione di testi sulla storia. Il podcast, spiega, “è amatoriale e non vuole avere altro scopo che raccontare la storia, cercando di renderla interessante, ma soprattutto viva”. Della parte tecnica si occupa Davide Orlandi, che pensa all’editing audio e alla gestione del sito. Tra le ultime puntate pubblicate tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 ci sono “La canonizzazione di Maria Goretti”, “La vita nell’agro pontino ai tempi di Maria Goretti”, “Charlie Chaplin, vita e morte del vagabondo”, e “Charlie Chaplin, da Lamberth a Los Angeles”.

LA STORIA D’ITALIA DALLA CADUTA DELL’IMPERO ROMANO

A realizzare questo podcast è Marco Cappelli, 39enne di origini abruzzesi che coltiva quest’attività per passione. Residente in Belgio con la famiglia, dipendente di una società statunitense per cui si occupa di marketing, ha intrapreso questa attività “ascoltando i podcast in lingua inglese. Ho iniziato a dare un’occhiata a quelli italiani - spiega sul sito italiastoria.com - e ho visto che non ce ne erano poi chissà quanti, mentre in inglese davvero c’è quasi di tutto, e ho pensato… perché no? Ci ho rimuginato sopra e ho scelto la 'Storia d’Italia' dalla caduta dell’impero Romano sia perché non ci sono podcast che la narrino in modo complessivo sia perché non è poi così conosciuta in Italia, neanche dagli appassionati”. Al momento il podcast conta su 49 episodi. Sul sito è disponibile un elenco delle fonti.

HISTORYCAST

Questo podcast non propone in realtà contenuti recenti, e non viene aggiornato da tempo. Ma si tratta comunque di un repository importante di contenuti storici approfonditi e ben curati, che partono dai personaggi per raccontare la loro epoca e il contesto in cui si sono verificati i fatti. A curare la realizzazione del podcast è Enrica Salvatori - ideatrice, autrice e voce narrante - professore associato all’Università di Pisa e giornalista pubblicista.