Sorgenia
cerca
Accedi accedi

L’Italia riparte dagli artigiani, lo speciale #MiaImpresa

  1. Home
  2. What's next
  3. L’Italia riparte dagli artigiani, lo speciale #MiaImpresa

Dalla sartoria alle biciclette, dalla cucina ai videogame: il viaggio di Energie Sensibili nel Paese che si mette in gioco

Innovazione, tecnologia, passione. Ma soprattutto, il rispetto e la tradizione di un sapere che si tramanda da generazione in generazione, da padre in figlio, da maestro a allievo. L’Italia riparte dagli artigiani, da giovani – e non - che hanno deciso di mettersi in gioco con coraggio e passione. La passione degli adulti, che hanno vinto le sfide di un contesto economico difficile. Il coraggio dei ragazzi, che non hanno aspettato che il loro momento arrivasse ma se lo sono creato.

È il caso, per esempio, dei ragazzi di Storm in a tea cup, la software house del videogame italiano, nata grazie agli sforzi di Carlo Ivo Alimo Bianchi, che ha riunito un team internazionale di giovani professionisti del game development. O ancora di Giuseppe Madaro, falegname che si è reinventato liutaio per amore della figlia violinista.

Amore, appunto. Passione per un sapere che rimane inalterato, pur sapendosi innovare. Un filo rosso che unisce anche le trentuno storie raccontate da Marina Puricelli ne “Il futuro nelle mani”. Protagonisti del viaggio nell’Italia artigiana ragazzi intraprendenti, cosmopoliti, ma con radici ben salde. La loro crescita, personale e professionale, non sarebbe stata possibile, infatti, senza gli insegnamenti di adulti, “maestri morali”, che hanno trasferito i trucchi e l’etica del lavoro artigiano.

Perché non c’è innovazione senza tradizione. Ed è questa consapevolezza alla base del successo, consolidato nel tempo, di piccole imprese storiche. Come la sartoria di Annibale Gammarelli che dal 1794 cuce abiti ecclesiastici, tra cui quelli di otto pontefici, compreso Papa Francesco. O ancora di Vincenzo Tabacco, guru dell’amplificazione che salvò il tour dei Rolling Stone.

È su questa tradizione che si basa il valore del Made in Italy. Una storia di successi, non senza fatica, che fa da faro e fornisce un nuovo slancio alle promesse dell’artigianato italiano. A chi, come nel caso dei ragazzi di Siral, punta sulla tecnologia per rivoluzionare uno dei mezzi di trasporto più antichi: la bicicletta. A chi scommette su creatività e originalità, come Luigi Collinvitti, titolare della Dream Bakery Cakes a Roma e re del Cake Design.

Le loro storie nel nostro speciale  #MiaImpresa, storie artigiane tra innovazione e tradizione