Sorgenia
cerca
Accedi accedi

L’innovazione è rosa in Europa: 90mila euro per le donne imprenditrici

  1. Home
  2. What's next
  3. L’innovazione è rosa in Europa: 90mila euro per le donne imprenditrici

C’è tempo fino al 20 ottobre prossimo per presentare le domande per il Prize for Women Innovators. Potranno partecipare tutte le imprenditrici con società nate prima del 2013

L’innovazione europea si tinge di rosa. Bruxelles ha lanciato un bando dedicato proprio all’universo femminile che si occupa di nuove tecnologie, per premiare le idee imprenditoriali più originali. Le interessate hanno tempo fino al prossimo 20 ottobre per presentare la propria candidatura. Si tratta di una occasione per presentare le proprie invenzioni a livello internazionale ed ottenere dei bonus per realizzarle.

 

DA 100MILA a 30MILA EURO: I PREMI DELLA COMPETIZIONE

Il primo premio, infatti, ammonta a 100mila euro, il secondo a 50mila e il terzo a 30mila euro e verranno consegnati nel corso di una cerimonia nella primavera 2016. È questa la terza edizione della competizione, dopo i successi del 2011 e del 2014. Al contest possono partecipare tutte le donne che hanno fondato o hanno collaborato a fondare la propria compagnia e che abbiano beneficiato dei programmi europei di ricerca, come nel caso del cosiddetto Euratom Framework Programme e il CIP.

 

CHI PUO' PARTECIPARE

Le donne interessate devono essere cittadine di uno degli Stati membri dell’Unione europea o dei paesi associati ad Horizon 2020. Le società di cui sono a capo devono essere state registrate prima del primo gennaio 2013 ed aver avuto un fatturato di centomila euro nel biennio 2013-2014. Per iscriversi è necessario consultare la pagina del sito internet della Commissione dedicata alla competizione.

Le vincitrici verranno selezionate secondo specifici criteri, come l’originalità e la commerciabilità del prodotto presentato, l’impatto economico, l’alto contenuto scientifico dell’innovazione e il suo impatto sociale, ovvero al sua capacità di intervenire su temi cari al Vecchio Continente come il benessere della popolazione, il cambiamento climatico, l’energia rinnovabile e l’efficienza.

La Commissione europea sta spingendo sempre di più verso lo sviluppo di nuove tecnologie che possano far restare le aziende comunitarie il più competitive possibile. E per farlo sta investendo sulle donne, che rappresentano una risorsa di cui però ancora non si conosce a fondo il potenziale. Il Prize for Women Innovators ha l’obiettivo anche di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’apporto femminile a questo mondo, fatto generalmente di uomini.