Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Italian Quality Experience: ecco il nuovo portale per Expo 2015

  1. Home
  2. What's next
  3. Italian Quality Experience: ecco il nuovo portale per Expo 2015

Il progetto di Unioncamere promuove la valorizzazione del cibo all'estero come identità di un territorio, grazie alla collaborazione di 106 Camere di commercio italiane e 81 all'estero

Da alimento ad elemento di identità: il cibo è il tema portante dell'Expo 2015, ma anche una grande opportunità per far conoscere al mondo intero le eccellenze italiane. Con questo obiettivo è nato il portale Italian Quality Experience, presentato oggi nella sede di Roma della Camera di Commercio: un progetto di Unioncamere in collaborazione con Fondazione Symbola e il patrocinio del Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

 

IL MINISTRO MARTINA: “EXPO PUNTO DI SVOLTA”

“L'Expo 2015 segnerà un punto di svolta positivo per l'Italia – ha dichiarato il ministro Maurizio Martina durante la presentazione - Ci sono territori interi in fermento, imprese che stanno intrecciando rapporti tra loro: le energie ci sono e bisogna saperle utilizzare come fattore comune, per camminare nella stessa direzione.”

Italian Quality Experience è una piattaforma aperta a tutte le realtà della filiera agroalimentare in Italia, in cui convivono colossi del calibro di Ferrero accanto alle piccole imprese locali: approcci al mercato, grandezze e visioni di business diverse, ma accomunate da un progetto con una visione ampia. “Quello che vogliamo far conoscere è l'aspetto antropologico che permea il cibo in Italia: una narrazione del valore aggiunto di ogni piatto, del suo corredo culturale - ha commentato in apertura Carlo Cambi del Comitato scientifico del progetto Unioncamere – Stiamo facendo chiarezza e pulizia in un settore oggi molto caotico come quello del food.”

Leggi anche: Expo 2015 lancia il portale per l'alimentare made in Italy

 

 

CIBO, IDENTITA' E TERRITORIO

Un piatto o un prodotto tipico raccontano l'identità precisa di un territorio, proprio quella che Italian Quality Experience punta a far conoscere al mondo. In questa direzione è fondamentale il ruolo giocato dalle 105 Camere di commercio italiane e dalle 81 all'estero che, attraverso una rete di 1700 ristoranti italiani dislocati in 55 Paesi, consentiranno di raggiungere oltre 60 milioni di persone. Una platea numerosa, per accogliere l'importanza (non solo economica)  di un comparto chiave per la nostra economia: basti pensare che la filiera agricola, alimentare e turistica insieme costituiscono un quarto del Pil italiano. Senza considerare la produzione di valore aggiunto nel settore, nella quale l'Italia primeggia in Europa con un una media per ettaro tre volte superiore al Regno Unito, il doppio della Spagna e della Germania e più del 70% rispetto alla Francia.

Leggi anche: Hostess, cuochi e guide, ecco cosa cercano le aziende Expo

 

ITALIAN QUALITY EXPERIENCE IN NUMERI

“Le storie capitano solo a chi sa raccontarle - ha commentato il presidente della Fondazione Symbola Ermete Realacci, citando Paul Auster – Se incrociamo la qualità dei nostri prodotti, l'innovazione e gli strumenti di comunicazione adatti, possiamo cogliere appieno le opportunità fornite dall'Expo”. Il potenziale comunicativo c'è, come ha dimostrato oggi la presentazione del portale. E quello umano? Ad oggi sono quasi 700mila le aziende della filiera agroalimentare inserite nella piattaforma Italian Quality Experience, una variegata realtà che comprende 185.593 imprese di ortaggi e frutta, 47.847 di olio d'oliva, 177.179 di cereali, pane, pasta e dolci, 109.565 di allevamento e carni, 46.057 di latte e formaggi. Numeri con una realtà e una storia dietro, che è possibile scoprire sull sito attraverso una ricerca filtrata per criteri come la filiera, la regione, il comune e il nome dell'azienda.

“Abbiamo il dovere di dare continuità al processo che abbiamo inaugurato oggi” ha concluso il ministro Martina, rinnovando l'appuntamento il 7 febbraio a Milano per l'evento “Expo delle idee".