Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Imprese, l'importanza del corporate blog

  1. Home
  2. What's next
  3. Imprese, l'importanza del corporate blog

Dalle multinazionali alle pmi il blog è uno strumento utile sia per influenzare le vendite che per comunicare valore all'interno e all'esterno dell'azienda

Social media e aziende: un legame sempre più intenso e profittevole, soprattutto per le imprese. Dagli strumenti pensati ad hoc da Google a quelli di Facebook, sono diversi i mezzi con i quali un'attività di qualunque tipo può sfruttare le potenzialità del web 2.0 per incrementare la propria visibilità e, con le mosse giuste, il proprio volume di affari.

Leggi anche: Vetrine virtuali e gestione del cliente, scopri come Google aiuta le imprese

 

PAROLE CHIAVE: FIDUCIA E INFLUENZA

La comunicazione aziendale riveste un ruolo sempre più importante, anche se spesso sottovalutato dalle piccole e medie imprese. Comunicare e condividere una serie di valori che caratterizzano l'impresa, aumentare la presenza online e l'efficienza nel customer care, incrementare la brand identity: sono alcuni dei risultati raggiungibili attraverso il corporate blogging.

Aprire un blog aziendale è semplice, portarlo avanti con successo è la sfida che molte piccole e medie imprese dovrebbero cogliere. Il “Digital Influencer Report 2013 del motore di ricerca e aggregatore di blog Technorati illustra come i blog siano la terza risorsa digitale più influente negli acquisti complessivi, subito dopo i siti di vendita al dettaglio e quelli del brand specifico.

Anche se i blog non sono tra le voci più corpose nella spesa digitale delle imprese, hanno un alto posizionamento tra i consumatori per quanto riguarda la fiducia, la popolarità e l'influenza: secondo il report di Technorati, ad esempio, i blog sono più incisivi nella formazione di un'opinione rispetto Twitter e quando si tratta di prendere decisioni d'acquisto scavalcano anche Facebook.

Leggi anche: Il “Made in Italy” riscoperto da Google, Unioncamere e Cna

 

VALORE CONDIVISO E RAPPORTO DIRETTO

Ma i blog non servono all'azienda solo come mezzo più o meno diretto legato alle vendite: è soprattutto uno strumento di comunicazione sia all'interno che all'esterno dell'impresa stessa, tanto più efficace quanto più strutturata e pianificata è la strategia che vi è dietro. In questo senso il corporate blog è uno dei mezzi migliori per una politica di inbound che punti ad attirare l'attenzione degli utenti-clienti non in modo “diretto” (come accade ad esempio con le pubblicità o i call center) ma attraverso la produzione di contenuti, esperienze e valore condiviso. In particolar modo il blog aziendale è un mezzo per creare un rapporto più “umano” e diretto con il cliente, confermando che dietro il marchio ci sono delle persone che vi lavorano, con delle storie da raccontare in prima persona.

 

CONSIGLI ED ERRORI

Mantenere attivo un blog richiede non solo impegno, costanza e aggiornamento continuo, ma anche competenze specifiche. Gli errori più comuni che si rischia di correre nella gestione di un corporate blog sono diversi: postare soltanto contenuti inerenti ai prodotti dell'azienda, utilizzarlo unicamente come canale di vendita, creare contenuti dinamici non funzionali o all'opposto non curarne la veste grafica e multimediale.

Jef Bullas, blogger ed esperto di comunicazione, consiglia ad esempio di condividere quelle che sono le abilità peculiari del blogger: che sia un piccolo imprenditore o una multinazionale, se si hanno capacità, competenze, soluzioni particolari ed esclusive a dei problemi, il segreto è condividerlo in modo interessante e puntuale con il proprio pubblico di riferimento. Questo vale anche per le opinioni, i punti di vista e le suggestioni di chi rappresenta l'azienda: “Siate autentici – consiglia Bullas – condividere le vostre opinioni può portare traffico al vostro blog e aumentare il profilo del vostro brand”.