Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Imprenditoria femminile: nel 2014 boom di donne in agricoltura

  1. Home
  2. What's next
  3. Imprenditoria femminile: nel 2014 boom di donne in agricoltura

I dati Coldiretti-Unioncamere per il 2° trimestre 2014: in Italia una azienda agricola su tre è “rosa”, il talento femminile coniuga tradizione e innovazione

Il 28,9% delle aziende agricole italiane è gestito da donne, per un totale di 220.079 imprese che stanno trasformando il volto dell’imprenditoria in agricoltura: agri-benessere, fattorie sociali e pet-therapy sono infatti solo alcuni dei modi in cui il gentil sesso sta reinterpretando il settore. A dirlo è un’indagine Coldiretti su dati Unioncamere relativi al trimestre aprile-giugno 2014: le attività legate alla terra sono quelle preferite dalle imprenditrici, seconde solo al commercio.

La peculiarità delle aziende agricole femminili è quella di sviluppare filoni nuovi e alternativi rispetto alla tradizione. Accanto alla coltivazione, cioè, le imprenditrici rosa sono sempre più inclini a tentare nuove strade: dall’agriturismo ai centri di pet-therapy con gli animali, dalle fattorie didattiche e sociali agli agri-asili, fino alle spa green e alle attività legate all’agri-benessere. Secondo Coldiretti le donne sarebbero più inclini a cogliere le nuove opportunità che il settore offre, riuscendo a coniugare la tradizione e il recupero dei vecchi saperi con l’innovazione e le nuove tecnologie.

Questa “multifunzionalità”, come ha sottolineato Lorella Ansaloni di Donne Impresa Coldiretti, è “la caratteristica principale delle aziende agricole condotte da donne: genera più occupazione perché sviluppa attività particolari che si affiancano a quella principale, per fornire un prodotto o un servizio particolare”.

 

Federica Ionta

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.