Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Giornata mondiale dell’Ambiente, al via la 41esima edizione

  1. Home
  2. Life
  3. Giornata mondiale dell’Ambiente, al via la 41esima edizione

Si festeggia in tutto il pianeta il 5 giugno. Tante le iniziative in programma per l’edizione 2013. Tema di quest’anno: le azioni e le buone pratiche contro lo spreco alimentare

È partito il conto alla rovescia per la Giornata mondiale dell’Ambiente. Come da tradizione dal 1972, anno della sua istituzione da parte dell’Onu, il 5 giugno sarà dedicato a stimolare la sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali. L’obiettivo è quello di incoraggiare, da un polo all’altro del pianeta, azioni in grado di incentivare uno sviluppo sostenibile. Singoli, comunità e pubbliche amministrazioni possono partecipare e dare il proprio contributo. “Think-Eat-Save” è lo slogan scelto per la quarantunesima edizione della manifestazione: al centro degli eventi ci sarà dunque il tema dello spreco alimentare, con la promozione di comportamenti virtuosi e modelli di consumo utili a diminuire l’impronta alimentare di ciascuno.

Si tratta di un momento di riflessione, solidarietà e azione comune a tutela dell’ambiente: si intende così ricordare la Conferenza di Stoccolma del 1972, durante la quale venne redatto per la prima volta l’Unep, il Programma Ambiente della Nazioni Unite. Sono i cittadini del mondo a essere i veri protagonisti di questa giornata e del cambiamento verso un futuro più equo e sostenibile, a partire da piccoli gesti quotidiani. A proposito del tema scelto per il 2013, la FAO ricorda che ogni anno 1,3 i miliardi di tonnellate di cibo vengono sprecate e, contemporaneamente, nel Mondo 1 persona su 7 soffre la fame. Fra queste, 20 mila bambini sotto i 5 anni muoiono per cause legate alla malnutrizione.

Ci sono però anche altri fatti da tenere presente: sono 300 i milioni di tonnellate di cibo che non vengono utilizzate correttamente, una quantità maggiore della produzione alimentare totale dell’Africa Sub-sahariana. Gli australiani, invece, buttano via più di 4 milioni di tonnellate di avanzi, cioè quasi un migliaio di chilogrammi per nucleo familiare. Per non parlare degli Stati Uniti d’America: qui per la produzione di cibo è utilizzato il 10% del bilancio totale di energia, Il 50% dei terreni e l’80% di acqua dolce. Una quantità di risorse eccessiva, l’equivalente di 165 miliardi di dollari ogni anno.

Per quanto riguarda l’Italia, tra le iniziative promosse c’è anche quella lanciata da Treedom, “100.000 alberi per la Terra!”. L’obiettivo? Piantare, appunto, 100 mila alberi per la riforestazione del pianeta. La campagna vedrà la sua fase finale proprio in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente. Tutti, tra privati e aziende, possono partecipare compilando il form di adesioneonline per essere poi contattati e poter scegliere la quantità di alberi che si intende far nascere.