Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Finanziamenti per l’imprenditoria femminile: gli incentivi

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Finanziamenti per l’imprenditoria femminile: gli incentivi

Ministeri per lo Sviluppo economico, Pari opportunità e Confindustria tra gli attori che hanno siglato l'accordo per sostenere e rilanciare le Pmi guidate da donne

Per sostenere l’imprenditoria femminile il 4 giugno è stato firmato uno speciale Protocollo d'intesa tra Dipartimento delle Pari Opportunità, Ministero dello Sviluppo economico, Abi, Confindustria, Confapi, Rete Imprese Italia e Alleanza delle Cooperative Italiane.  È un futuro in “rosa” quello che si vuole incentivare attraverso un piano di finanziamenti che vede piccole e medie imprese al femminile e libere professioniste usufruire di un piano interventi ad hoc per sostenere l'accesso al credito attraverso la creazione di plafond bancari per nuovi investimenti.

 Tre sono le linee di intervento sulle quali si basa il Protocollo:

  • investiamo nelle donne” che garantisce finanziamenti all’imprenditoria femminile per sviluppare aziende o attività di libera professione;

  • donne in start up” che punta maggiormente alla fase di nascita e costruzione dell'attività;

  • donne in ripresa” che infine mira a dare un valido appoggio alle Pmi “in rosa” che più di altre risentono degli effetti negativi della crisi.

La realizzazione di questi interventi avviene in collaborazione con gli istituti di credito che, aderendo al Protocollo, si impegnano a garantire un plafond finanziario utilizzabile dai soggetti beneficiari per realizzare i loro obiettivi, erogato in condizioni competitive rispetto all'offerta standard su operazioni simili. Le istituzioni e le associazioni che hanno siglato l'accordo, invece, saranno non solo promotori dell'iniziativa ma offriranno alle imprese in questione supporto informativo e assistenza per l'accesso al credito.  

Per un periodo di 12 mesi è anche prevista la possibilità di sospendere il rimborso dei finanziamenti in caso, ad esempio, di maternità della lavoratrice, di malattia grave che riguardi il suo convivente o i figli (anche adottivi) o malattia invalidante di un genitore o di un parente.

 

@MarioLuongo6

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter