Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Fare Impresa: come creare un negozio di e-commerce di successo

  1. Home
  2. What's next
  3. Fare Impresa: come creare un negozio di e-commerce di successo

Il commercio elettronico sta diventando un business sempre più attrattivo per le nuove imprese ma anche per quelle da una lunga storia che vogliano aumentare la propria competitività. Ecco come fare, i vantaggi e i costi da sostenere

L'e-commerce consiste nello svolgimento di attività commerciali per via elettronica quali l'acquisto di beni e servizi, la distribuzione online di contenuti digitali, operazioni finanziarie e di borsa, e altre procedure della Pubblica Amministrazione.

 

I VANTAGGI

Lo sviluppo digitale rappresenta una potenziale occasione di crescita per le piccole e medie imprese attraverso una gestione occulata.

Negli ultimi anni la maggior parte delle aziende ha puntato sul commercio elettronico avviando una nuova attività online o affiancandola al negozio tradizionale. I vantaggi per le imprese sono notevoli a partire dai costi, minori rispetto agli store tradizionali che generano spese di affitto e gestione del magazzino. Inoltre, la possibilità di poter effettuare operazioni 24 ore su 24 implica una maggiore efficienza aziendale anche perché è possibile fare acquisti da ogni angolo del mondo superando i limiti geografici.

Lo sviluppo digitale rappresenta una potenziale occasione di crescita per le piccole e medie imprese attraverso una gestione occulata.

 

COME AVVIARE L'ATTIVITÀ

Per avviare un'attività di e-commerce è necessario individuare i modelli di business di riferimento, identificare quello più adeguato e sviluppare l'impresa attraverso l'apporto di capitali per la crescita iniziale.

Dopo aver individuato il prodotto da vendere è importante passare all'analisi di marketing analizzando i principali competitor e i bilanci cercando di capire in quale fetta di mercato sia più facile inserirsi.

Successivamente bisogna dare un'impronta alla gestione della catena di approvvigionamento, stoccaggio e consegna dei prodotti da vendere. Se si dispone di un budget limitato, può essere utile adottare il modello di dropshipping che consiste nell'affidarsi a una società terza per il mantenimento delle merci e la spedizione con costi molto bassi. 

L'ultimo passo riguarda l'attivazione delle modalità di pagamento elettronico da parte dei clienti collegando lo store con le componenti bancarie.

 

ADEMPIMENTI FISCALI

Dal punto di vista fiscale, i nuovi operatori commerciali devono iscriversi al Registro delle Imprese presentando il modello di “comunicazione unica” al medesimo ente entro 30 giorni dall'inizio dell'attività. Successivamente bisogna richiedere l'attribuzione della partita Iva e comunicare all'Agenzia delle Entrate l'indirizzo del sito web e quello e-mail, i dati identificativi dell'Internet service provider, il numero di telefono e di fax.

Infine, è obbligatorio presentare la SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività, allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune nel quale si intende avviare l'impresa.

Per le vendite all'estero, la norma prevede l'iscrizione nella banca dati VIES, Vat Information Exchange System), l'archivio informatico europeo sull'Iva.

 

MARKETING ONLINE

Una volta avviata l'attività, la gestione passa attraverso una campagna di marketing online. In particolare, esistono diverse tecniche che rientrano nel cosiddetto  SEM  (Search Engine Marketing), che comprende tutte le attività atte a generare traffico qualificato verso un determinato sito. Lo scopo è portare al sito il maggior numero di visitatori realmente interessati ai suoi contenuti. Tra le varie attività che rientrano in questo sistema, la più famosa è quella del SEO, che  favorisce una maggiore visibilità nel web tramite i motori di ricerca.