Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Energia eolica: quali vantaggi e svantaggi

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Energia eolica: quali vantaggi e svantaggi

Focus sugli impianti che sfruttano il vento, l’energia rinnovabile che, insieme al fotovoltaico, costituirà l’elemento più importante del mix energetico

Energia eolica. Vantaggi e svantaggi? L’impianto eolico è composto da turbine che si muovono con il vento generando energia elettrica.

Il vento è una fonte rinnovabile, ciò vuol dire che non è soggetta a rischio di esaurimento, come per le fonti fossili. Come ogni altra fonte di energia rinnovabile, la produzione di energia eolica non immette CO2 nell’aria.

 impianto_eolico_sorgenia.jpg

 

VANTAGGI DELL’ENERGIA EOLICA

 

Il principale vantaggio dell’energia eolica è sicuramente il ridotto impatto ambientale, grazie al vento, fonte green per eccellenza. L’energia prodotta non prevede l’utilizzo di combustibili fossili quali petrolio, carbone e gas naturale. I fossili, durante il processo di produzione di energia, emettono anidride carbonica. Stessa cosa non succede nei processi degli impianti da fonti di energia rinnovabile. È per questa ragione che si parla di green energy.

Va considerato che gli impianti eolici vengono sottoposti ad una Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che monitora gli effetti del parco eolico sulla flora e fauna locali. Il documento deve essere rilasciato prima della costruzione dell’impianto eolico stesso. L’energia eolica, secondo le analisi di ciclo di vita (Lca, Life Cycle Assessment) condotto dall’Università di Roma Tre e Perugia, è la rinnovabile con il minor impatto ambientale. 

Tra i vantaggi e svantaggi dell’energia eolica, c’è da considerare l’aspetto economico. Tra i punti di forza di questa fonte di energia rinnovabile possono essere inseriti anche i costi, relativamente bassi, per l’installazione dell’impianto eolico e la sua manutenzione. La valutazione delle spese deve essere fatta in base ad alcuni esami specifici sulle variabili del vento. Più la zona è ventosa, più il costo per ogni kW prodotto è ridotto.

L’impianto che produce energia eolica necessita di brevi tempi di costruzione, se paragonato alle altre tecnologie di produzione dell’energia. Sono spesso molto veloci: circa un paio di mesi per un parco eolico da 10 MW e sei mesi per uno da 50 MW.

 

SVANTAGGI DELL’ENERGIA EOLICA

 

Prendiamo in considerazione i principali svantaggi dell’energia eolica.

Il punto debole dell’energia eolica è dato dalla natura instabile della fonte di energia rinnovabile. Il vento, come il sole, è definito una fonte intermittente. Questo vuol dire che essa non garantisce il funzionamento continuo degli impianti eolici.

Quindi, l’energia eolica non è programmabile. Questo significa che non decidiamo noi quando e con quanta potenza soffierà il vento. Questa caratteristica, che è propria di tutte le fonti di energia rinnovabile, rende necessario il supporto di altre tecnologie, in grado di garantire continuità di fornitura di energia elettrica anche nei giorni in cui vento, sole e le altre fonti “100% green” non garantiscono il loro apporto.

Le analisi tecniche effettuate prima dell’installazione di un parco eolico forniscono una stima della quantità di energia elettrica che verrà effettivamente prodotta. Ciò nonostante, non decidiamo noi quando soffia il vento e, quindi, quando saranno in funzione le pale eoliche.

Proprio per la natura intermittente e non programmabile della fonte di energia, è necessario utilizzare l’energia eolica in combinazione con energia proveniente da fonti fossili. Questo garantisce un bilanciamento del sistema che permette di ottenere tutta l’energia eolica necessaria.

 

IL FUTURO DELL’ENERGIA EOLICA

 

Il vento è una fonte di energia inesauribile. Tale caratteristica ha spinto le istituzioni Europee a dare una decisa spinta alle cosiddette energie rinnovabili con il Piano 20-20-20.

I risultati sono incoraggianti. Secondo gli ultimi dati forniti dalla WindEurope (Associazione europea energia eolica), il 10,8% della domanda europea di energia elettrica dell’anno 2016 è stata soddisfatta da energia rinnovabile.

Nel nostro Paese l’utilizzo dell’energia rinnovabile ha registrato un incremento del 14% nell’ultimo anno, come si evince dai report di Terna (la società che gestisce la trasmissione dell’energia elettrica in Italia).

La produzione nazionale di energia da fonti rinnovabili del 2016 è stata soddisfatta per il 32% dalla green energy. Al primo posto gli impianti eolici hanno prodotto 1.514 GWh (circa il 37,5%), seguiti dal fotovoltaico con 1.013 GWh.

La crescita dell’utilizzo dell’energia eolica è destinata a continuare. Secondo le proiezioni dell’International Energy Agency (IEA), l'organizzazione internazionale intergovernativa fondata nel 1974 dall’Ocse, entro il 2020, il 60% del fabbisogno energetico verrà soddisfatto da fonti di energia rinnovabile. Di questa produzione, circa il 75% sarà costituito da energia eolica e da fotovoltaico.