Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Energia: aziende e consumatori per un mercato libero efficiente

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Energia: aziende e consumatori per un mercato libero efficiente

Presentato all’Aeeg il manifesto firmato da operatori e associazioni per una gestione corretta ed efficace del settore

“La soddisfazione del cliente e la qualità del servizio sono obiettivi prioritari sia per i venditori finali che per le associazioni di consumatori, ma per poterli garantire è necessario che tutta la filiera del settore funzioni correttamente e in modo efficiente”. Questa, in sintesi, la proposta degli operatori del mercato libero dell’energia e del gas contenuta in un documento presentato il 5 febbraio all’Autorità garante per l’energia elettrica e il gas. Tra i promotori dell’iniziativa, che si pone come una riflessione sul rapporto tra i diversi attori del settore e sulle maggiori criticità in materia, compaiono Edison, E.ON, GdFSuez Energie, Flyenergia e Sorgenia. Al loro fianco, unite nello stesso messaggio, anche 18 associazioni dei consumatori del CNCU (Consiglio nazionale consumatori ed utenti) tra cui Adiconsum, Federconsumatori, Adusbef, Codacons, Cittadinanzattiva.

Punto cruciale dell’analisiche aziende e associazioni hanno consegnato all’Aeeg è la persistenza, anche nel libero mercato, di alcune criticità che ancora imbrigliano il settore retail, spesso a danno del cliente finale. I firmatari del documento hanno pertanto elaborato una serie di possibili soluzioni ai problemi emersi nella gestione di un modello in cui il venditore è l’unica interfaccia per il cliente finale.

Ecco un’anticipazione sui punti centrali del testo:

FLUSSO INFORMATIVO FRA VENDITORI E DISTRIBUTORI POCO EFFICIENTE

Operatori e associazioni dei consumatori concordano sul fatto che gran parte dei flussi di comunicazione tra venditori e distributori non sia adeguatamente standardizzata e regolata. Come risultato molti degli obblighi già esistenti in capo ai distributori vengono in realtà disattesi. La proposta è di completare la regolazione di tali flussi e introdurre controlli più severi nei confronti dei soggetti regolati.

RESPONSABILITÀ DEL DISTRIBUTORE VERSO I VENDITORI

Poiché questa risulta spesso insufficiente, si potrebbe introdurre un meccanismo di penalità che incentivi il distributore a migliorare il proprio servizio.

CHIAREZZA E TRASPARENZA VERSO I CLIENTI FINALI

I soggetti interessati hanno sottolineato la necessità di una maggiore chiarezza nei confronti dei clienti, per fornire loro informazioni non generiche, ma misurate sui diversi comportamenti e bisogni in termini di consumo. In questa ottica occorrerebbe semplificare le comunicazioni obbligatorie e distinguerle da quelle facoltative da fornire al cliente finale.

Per garantire un migliore servizio a tutela del consumatore è necessario anche un più alto standard qualitativo da parte del distributore nei confronti delle società di vendita che, in quanto fornitori, rappresentano l’interlocutore dei clienti finali. Particolare rilevanza è data all’opportunità di standardizzare, e rendere quindi omogenee fra loro, le comunicazioni operative e quelle relative ai dati di consumi. Accanto all’indicazione di interventi puntuali su alcune procedure tecniche, viene messa in evidenza anche l’opportunità di riduzione dei costi richiesti dai distributori per alcune prestazioni, come voltura o aumenti di potenza, e l’importanza di una maggiore severità dei controlli.

Quattro infine sono le aree di intervento diretto per quel che riguarda i servizi erogati dalle società di vendita ai clienti finali. Si tratta, nello specifico, della semplificazione della bolletta e dei contratti, del miglioramento della gestione dei bonus sociali elettrico e gas, della razionalizzazione delle regole sulla qualità commerciale, e servizi a valore aggiunto come il post contatore

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.