Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Energia, alimentare, tessile: le tappe dell’embargo alla Russia

  1. Home
  2. What's next
  3. Energia, alimentare, tessile: le tappe dell’embargo alla Russia

L’infografica di Energie Sensibili spiega quali settori economici sono interessati dal blocco delle relazioni commerciali tra Ue e Federazione Russa e quali misure di sostegno ha previsto Bruxelles

L’embargo di Europa e Stati Uniti verso la Russia e le misure prese di rimando da Putin verso l’Occidente coinvolgono diversi settori economici.

Energia, finanza e difesa sono stati i primi ambiti ad essere interessati dai provvedimenti restrittivi.  Oggi è soprattutto l’agroalimentare, seguito dal tessile (incluso abbigliamento e calzature) a destare le preoccupazioni delle imprese europee, che si sono viste bloccare le esportazioni verso il mercato russo. 

Stando a una stima de Il Sole 24 ore su dati Istat i settori non ancora direttamente colpiti ma più esposti al rischio embargo per l’Italia sarebbero quelli dei mobili, abbigliamento e macchinari industriali. Nel primo caso i distretti della Brianza, del Friuli, delle Marche e della Puglia esportano in Russia complessivamente circa il 7% dei propri prodotti: mobili per la cucina, sedie e divani. Se lo stop all’import del tessile fosse esteso dalle aziende pubbliche anche ai privati la nostra bilancia commerciale potrebbe perdere fino a 1,5 miliardi di euro in un anno. Ammontano infine a 2 miliardi di euro le esportazioni di macchinari industriali dall’Italia verso la Russia.

Nell’infografica realizzata da Energie Sensibili ripercorriamo le tappe principali del blocco delle relazioni economico-commerciali da e verso la Russia.

 

Per approfondire: Embargo Ue-Russia: dal blocco dei conti bancari allo stop su carne e latticini

 

Federica Ionta

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.