Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Efficienza e risparmio: la top five delle metro più verdi nel mondo

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Efficienza e risparmio: la top five delle metro più verdi nel mondo

Da Londra a Parigi a New York, tanti sono i progetti che hanno trasformato le reti ferroviarie in gioielli sostenibili. Anche Napoli tra le prime cinque nella classifica

Belle, efficienti e architettonicamente perfette. Le metropolitane del futuro sono green: da Londra a Singapore, passando per New York e Nuova Delhi, innovazioni e interventi di riqualificazione volti a renderle ad impatto zero le hanno trasformate in oasi di mobilità sostenibile. E l’Italia non è da meno: tra le infrastrutture di trasporto urbano più amiche dell’ambiente nel Belpaese compare quella di Napoli. Non solo tagli alle emissioni di Co2, ma anche risparmi di carburante e miglioramento della qualità della vita dei cittadini: sono questi alcuni dei vantaggi della rivoluzione verde delle città.

Ecco le top five delle metropolitane più sostenibili del Pianeta secondo Energie Sensibili.

 

1. Londra

La tube della capitale inglese è da sempre al primo posto nella classifica mondiale stilata dall’American Public Transport Association: non solo super funzionante ma anche efficiente. Riciclando il calore di scarto generato dai convogli del trasporto pubblico sotterraneo attraverso il pozzo di ventilazione della Northern Line ed alla sottostazione elettrica della Power Network Uk, è possibile trasformare l’aria calda in riscaldamento domestico. In questo modo vengono risparmiate più di 500 tonnellate di anidride carbonica emessa all’anno nell’atmosfera, e si tagliano anche le bollette delle famiglie della City. Senza contare che proprio sul percorso della rete ferroviaria suburbana nascerà la Skycycle, la prima pista ciclabile sopraelevata del Vecchio Continente.

2. New York

Nella Grande Mela la metropolitana è diventata più efficiente grazie alla sostituzione delle lampade ad incandescenza, il che ha fatto risparmiare oltre 6 mila megawatt/ora e tagliato le spese annuali di ben 100 mila dollari. Ma la novità è un’altra. La ferrovia sopraelevata, costruita nel 1930 e da tempo abbandonata, è stata trasformata in un parco urbano pubblico. La Highline, estesa per ben 22 isolati a Manhattan, si presenta come un percorso multiforme con boschi, ampi prati soleggiati, molte panchine dove sedersi e una passerella a grata su cui camminare osservando la città sotto ai piedi.

3. Parigi

È ancora un progetto, ma l’obiettivo è ambizioso. La Capitale francese potrebbe presto diventare un modello di innovazione che sfrutta l’energia generata dai passeggeri della stazione di Rambuteau per alimentare il riscaldamento di 17 edifici posti nelle vicinanze. L’iniziativa permetterà di ridurre di un terzo le emissioni inquinanti rispetto ai classici sistemi di riscaldamento.

4. Napoli

Ebbene sì, la metropolitana della città partenopea è la più sostenibile d’Italia, oltre che la più bella a livello mondiale secondo una classifica stilata di recente dall’autorevole Cnn. Non solo abbattimento delle emissioni di Co2 ma anche spazio alla cultura: nella stazione della Metro “Toledo” ci sono i progetti avveniristici di numerosi artisti che hanno ricreato una sorta di tela tridimensionale con risultati sorprendenti. Inaugurata nel 2012, ha battuto la concorrenza con i “pannelli luminosi” realizzati da Robert Wilson.

5. Madrid

In Spagna è stato lanciato Train2Car, un progetto gestito dalla metropolitana della capitale che permetterà di ricaricare auto elettriche a costo zero riutilizzando l’energia elettrica recuperata dai convogli della rete ferroviaria durante i rallentamenti e le frenate, e che altrimenti andrebbe persa. Grazie ad un particolare punto di ricarica, che è stato battezzato “Metrolinera” (termine mutuato da gasolinera, distributore in spagnolo) gli automobilisti madrileni che guidano una vettura elettrica possono ora fare il pieno nei giorni feriali, dalle 8 alle 21, senza alcun costo. 

 

@Idart87


Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.