Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Dichiarazione dei redditi, online le novità del modello 730

  1. Home
  2. What's next
  3. Dichiarazione dei redditi, online le novità del modello 730

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate le indicazioni per la compilazione del documento che per la prima volta in Italia potrà essere redatto anche in forma precompilata

 

L’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello 730 per il 2015, pubblicando sul proprio sito internet i modelli di dichiarazione redatta sia in forma ordinaria e che, per la prima volta nel nostro Paese, in forma precompilata. Si tratta di una serie di novità che, dopo il via libera ricevuto dal provvedimento lo scorso dicembre, interesserà, tra pensionati e lavoratori, ben 20 milioni di cittadini italiani a partire dal prossimo aprile. Non solo. Sono stati resi noti anche il CU, che sostituisce il Cud, e l’Iva 2015, con tutti gli aspetti introdotti dalla Legge di Stabilità.

Leggi anche: Partita Iva e Regime dei Minimi: cosa cambia e cosa conviene

 

DIFFERENZE TRA IL MODELLO 730 PRECOMPILATO E QUELLO ORDINARIO

I lavoratori dipendenti e i pensionati possono presentare la dichiarazione con il modello 730, che si presenta vantaggioso non solo per la sua semplicità ma anche perché si ottiene il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga o nella rata di pensione, a partire dal mese di luglio. La novità più importante, su questo versante, è di sicuro l’introduzione del modello precompilato, che sarà disponibile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate a partire dal prossimo 15 aprile.

È necessario disporre di un codice pin per poter avere accesso al proprio 730, all’esito della liquidazione e ai principali dati che servono per la compilazione della dichiarazione. È possibile ottenerlo o attraverso il sito dedicato, oppure per telefono, chiamando il servizio di risposta automatica al numero 848800444, o in ufficio, presentando un documento di identità. Il contribuente può accettarla così come è stata redatta oppure modificarla online. Tuttavia, può anche scegliere di continuare a presentare la dichiarazione dei redditi con modalità ordinaria, compilando il modello cartaceo e presentandolo ad un proprio sostituto, ad un Caf o a un professionista abilitato. La scadenza è, in entrambi i casi, fissata al 7 luglio 2015.

 

BONUS IRPEF E PROROGA PER LE DETRAZIONI PER L’EFFICIENTAMENTO DEGLI EDIFICI

Oltre al bonus Irpef di 80 euro, introdotto nel 2014, per chi ha un reddito lordo di 26mila euro all’anno, è introdotta la detrazione per le erogazioni liberali fissata al 26% a favore delle Onlus, la deduzione per le spese di acquisto o ristrutturazione per gli immobili dati in affitto al 20% fino ad un massimo di 300mila euro, ed infine una agevolazione per chi investe in cultura, il cosiddetto Art Bonus. È prorogata la detrazione del 65% per le spese destinate a interventi di risparmio energetico degli edifici e per l’adozione di misure antisismiche. Inoltre, il Cud è stato sostituito dalla Certificazione Unica, che contiene informazioni necessarie alla precompilazione del dichiarazione dei redditi e che i sostituti d’imposta inviano all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo 2015.