Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Crowdfunding Italia: breve guida a una campagna efficace

  1. Home
  2. What's next
  3. Crowdfunding Italia: breve guida a una campagna efficace

Avere un’idea fantastica non basta per raggiungere il budget, serve comunicare con passione alla community di finanziatori. Ecco 5 semplici consigli

Organizzare una campagna di crowdfunding in Italia efficace non è un gioco da ragazzi. La raccolta fondi dal basso è diventato ormai il modo più rapido e “pop” per realizzare i propri progetti. La concorrenza è alta, spesso l’idea non basta e le campagne possono rivelarsi dei fallimenti che non raggiungono il budget stabilito. Per evitare di commettere errori basta seguire pochi semplici consigli. Dalla scelta della piattaforma giusta alla creazione di una comunicazione accattivante e che possa creare una comunità online che si appassioni al vostro progetto.

 

CROWDFUNDING ITALIA: SCEGLIERE LE PIATTAFORME GIUSTE

La prima regola per iniziare una campagna veramente efficace è scegliere la piattaforma ideale. I siti di crowdfunding sono tanti (quelli italiani sono circa 76), ma non tutti adeguati al vostro progetto. Ogni piattaforma si diversifica dall’altra anche per la tipologia di proposte.

Ecco un elenco dei 5 siti più famosi di raccolta fondi dal basso:

-          Musicraiser, la piattaforma dedicata alla musica più usata in Italia. Ideale per gli artisti che vogliono far finanziare un nuovo disco o un tour;

-          Eppela, è la più affermata nel nostro Paese per progetti innovativi di design e tecnologia;

-          Kickstarter, il colosso del crowdfunding dedicato soprattutto al design e al mondo dei videogiochi e della tecnologia;

-          Produzioni dal basso, si attesta al primo posto tra i siti di raccolta fondi dedicata esclusivamente a prodotti artistici di teatro, cinema e arti figurative;

-          SiamoSoci, il sito dedicato alle piccole startup che cercano finanziatori.

 

METTERSI NEI PANNI DEI DONATORI

Prima di iniziare una campagna è importante immedesimarsi nei panni di chi donerà dei soldi al vostro progetto. Sprechereste del tempo regalando dei soldi a una startup o a un privato di cui non sapete nulla? Il donatore vuole poter conoscere tutto di voi, anche i vostri lineamenti. Quindi iniziate a movimentare le pagine dei vostri social network e il sito internet, rendeteli accattivanti per attrarre più persone possibili. Regalate piccole chicche sul vostro lavoro e su come lavora il vostro team. Create fiducia ed empatia con la community di seguaci in modo che le persone siano più felici di aprire il portafoglio.

 

CROWDFUNDING ITALIA: I CONTENUTI AL PRIMO POSTO

Il passo successivo per un crowdfunding in Italia vincente è impostare una campagna creativa. Abbondate con contenuti che sappiano descrivere la vostra idea e perché dovrebbe essere migliore delle altre. I materiali visivi, come foto e video, sono sempre i benvenuti. Non parlate con semplici slogan pubblicitari, aprite il cuore e la mente per raccontare l’importanza del progetto. Chi vi offrirà dei soldi non conosce la vostra idea e vuole sapere perché il suo donare soldi potrebbe rendere il mondo migliore.

Prestate anche molta attenzione al titolo, che è una parte fondamentale. Il nome della campagna è la prima cosa che l’utente nota nella lista dei progetti, deve quindi saper racchiudere l’essenza dell’idea e specificare cosa si sta offrendo.

Tenete a mente un aspetto importante per il vostro crowdfunding: Italia è spesso sinonimo di creatività ed buona fattura. Quindi se volete puntare anche a donatori non italiani il “Made in Italy” potrebbe essere un aspetto da valorizzare nella realizzazione dei contenuti della campagna.

 

CREARE DELLE GIUSTE RICOMPENSE

Un’altra cosa da calibrare è la lista delle ricompense da offrire a chi ha finanziato il progetto. Considerate che non tutti avranno voglia di donarvi una cifra assurda per il vostro crowdfunding: Italia e resto del mondo in questo non si differenziano.

Date importanza soprattutto a quei piccoli finanziatori che donano poco ma che probabilmente saranno i più numerosi. Queste persone hanno solo buon cuore e vogliono aiutarvi senza dover per forza pre ordinare l’articolo, che arriverà a costare una cifra esorbitante. Individuate una serie di piccoli gadget per dimostrarvi riconoscenti, un semplice grazie non è sufficiente.

 

MONITORARE IL SETTORE

Importante è seguire la raccolta fondi anche off line. Monitorate il settore, seguite tutti gli eventi, le fiere e le manifestazioni. In questo modo potete mettervi in contatto con degli esperti e soprattutto con gli appassionati. Il poter intercettare queste persone e spiegare perché il vostro progetto è meglio di tanti altri creerà sicuramente degli affezionati che vi daranno una mano.