Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Crediti commerciali verso la PA: come funzionano le certificazioni

  1. Home
  2. What's next
  3. Crediti commerciali verso la PA: come funzionano le certificazioni

Tramite la piattaforma del MEF i soggetti che hanno lavorato per la Pubblicazione Amministrazione possono procedere all'appianamento del debito

Diminuisce il debito della Pubblica Amministrazione verso i propri creditori: i dati disponibili al 30 gennaio 2015 confermano che risultano pagati 36,5 miliardi di euro a fronte di un debito complessivo di 42,8 miliardi. Sono per la maggior parte enti locali, province autonome e Regioni i soggetti debitori, mentre le amministrazioni centrali dello Stato sono coinvolte in misura minore (circa il 5%).

La situazione è migliorata rispetto al picco di debito stimato dalla Banca d'Italia in circa 91 miliardi di euro verso la fine del 2012: merito di tre norme in particolare che hanno messo a disposizione della Pubblica Amministrazione un totale di 47,7 miliardi di euro. Con il decreto legge 35/2013 infatti sono stati sbloccati circa 40 miliardi di euro, seguiti dai 7.2 miliardi stanziati dal D.l 102/2013 e completati dalla Legge di Stabilità con 500 milioni.

 

LA PIATTAFORME DEL MEF PER IL CREDITO COMMERCIALE

 

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha predisposto una piattaforma che consente alle società, imprese individuali o persone fisiche di richiedere la certificazione per i crediti verso la Pubblica Amministrazione per somministrazione, fornitura, appalti e prestazioni professionali (i cosiddetti crediti commerciali); inoltre permette di tracciare in seguito le eventuali operazioni di anticipazione, compensazione, cessione e pagamento, a valere sui crediti certificati. Il procedimento è gratuito e può essere presentato dai soggetti che vantano un “credito commerciale prescritto, certo, liquido ed esigibile” nei confronti di una P.A, cioè riferito ad un'obbligazione perfezionata, registrata nella contabilità dell'ente debitore e per la quale è scaduto il termine i pagamento.

 

COME FUNZIONA LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

Per registrarsi alla piattaforma basta comunicare i propri dati personali e l'indirizzo PEC, al quale saranno inviate le comunicazioni relative al funzionamento del portale. Una volta effettuato l'accesso il creditore può inoltrare l'istanza di certificazione attraverso un modulo in cui specificare la pubblica amministrazione debitrice, il dettaglio delle fatture inerenti al credito e la sottoscrizione delle dichiarazioni previste dalla normativa vigente. Il dettaglio delle procedure e le informazioni sul procedimento da seguire sono consultabili sul vademecum pubblicato sul portale.