Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Con FindYourItaly si viaggia alla scoperta dell'Italia nascosta

  1. Home
  2. My generation
  3. Con FindYourItaly si viaggia alla scoperta dell'Italia nascosta

La startup di Milano agisce da tour operator per i visitatori stranieri, e non solo. Consiglia e programma le vacanze nei luoghi meno conosciuti del Paese grazie alla collaborazione dei cosiddetti buddy, gli operatori turistici locali.

In molti considerano l'Italia il Paese più bello al mondo. E' una delle mete più visitate dai turisti stranieri, non solo nelle grandi città come Roma, Milano, Venezia e Firenze. Anche i luoghi più nascosti possono diventare destinazione di soggiorni più o meno lunghi grazie a FindYourItaly, la startup che fa scoprire anche gli angoli più sconosciuti della Penisola. 


 

FINDYOURITALY COME TOUR OPERATOR

Si tratta dell'ultima giovane impresa, che promuove il Made in Italy meno conosciuto all'estero, favorendo il contatto tra i visitatori e gli operatori turistici del territorio. Il sito suggerisce gli itinerari da seguire per le vacanze proponendo i luoghi da visitare giorno per giorno, con tanto di guida al seguito, indicando anche i posti per il vitto e l'alloggio. Ovviamente ai turisti è garantita la massima libertà nel seguire o meno il programma della visita.

 

IL RUOLO CHIAVE DEI BUDDY

Ciò che caratterizza FindYourItaly è la propria rete di collaboratori, i cosiddetti Buddy, gli operatori turistici locali presenti nella zona delle vacanze scelta dai visitatori. Albergatori, ristoratori, associazioni culturali, Pro loco e blogger si propongono per l'accoglienza e il sostegno, fungendo da vere e proprie guide turistiche comprese nel pacchetto di soggiorno. Al network si aggiungono anche artigiani, contadini e agricoltori, che siano disposti a raccontare le proprie storie ai turisti, mostrando al pubblico le proprie attività quotidiane. In questo modo viene dato slancio all’intero sistema economico del Paese, rilanciando settori produttivi colpiti dalla crisi.

 

COME NASCE L'IDEA

“Nel 2001 un mio amico britannico voleva visitare alcune zone meno note dell'Italia – racconta Andrea Monti, l'ideatore della startup, a Energie Sensibili -. Nessuno lo ha aiutato, mancavano l'assistenza e il contatto umano. Così qualche anno dopo, nel 2013, ho dato vita al progetto cercando di creare una rete di operatori turistici locali”. Nel giro di poco tempo i Buddy si sono moltiplicati consentendo a FindYourItaly di coprire tutto il Paese, da nord a sud.

 

TURISTI STRANIERI ALLA CONQUISTA DEL SUD

I turisti stranieri rappresentano l'80-90% della clientela, principalmente americani, australiani, britannici e nord europei. Al contrario, gli italiani preferiscono organizzare i viaggi per conto proprio. Le mete preferite sono la Garfagnana, la Sicilia, la Puglia, il Sud in generale e le Cinque Terre. Per venire incontro alle esigenze dei visitatori che decidono di trascorrere le vacanze nelle grandi città, FindYourItaly ha pensato di organizzare itinerari nei centri limitrofi. Per esempio, chi va a Roma può recarsi al lago di Bracciano, chi sceglie Milano può andare a visitare il lago di Como, e così via.

“Sono soprattutto famiglie e gruppi di amici quelli che si rivolgono a noi per una vacanza alternativa – continua Monti -. Ma soprattutto ci colpisce il numero dei visitatori singoli che partono per il semplice gusto di esplorare l'Italia in completa solitudine”.


 

DOPO L'ITALIA ECCO L'EUROPA

In quasi due anni FindYourItaly è cresciuta esponenzialmente creando una rete capillare da nord a sud e consolidatasi nel territorio grazie all'apporto dei Buddy. Conquistata l'Italia, si mira ai Paesi esteri: “Grazie all'investimento in corso da parte di un gruppo di soci – conclude Monti – intendiamo allargare il nostro servizio anche per le mete europee, collegandoci alle altre startup del turismo locale”. In attesa di questo passaggio, nei prossimi giorni verrà ufficializzata una partnership con il FAI, il Fondo Ambiente Italiano, da sempre sensibile alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio italiano.


Leggi anche: Startup e turismo: quando la vacanza è social 

Leggi anche: Turismo sostenibile: ecco il nuovo business per piccole e medie imprese