Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Bozza della legge di Stabilità: 900 milioni all’anno per l’ambiente

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Bozza della legge di Stabilità: 900 milioni all’anno per l’ambiente

Difesa del suolo e gestione di rifiuti e risorsa idrica nella bozza del testo. Istituiti due fondi straordinari a tutela del territorio e della salute dei cittadini

Attenzione all’ambiente e al territorio e maggiori risorse messe a disposizione per la loro tutela e valorizzazione. Tra le misure previste dalla bozza della legge di Stabilità 2014 molti riguardano proprio gli interventi a favore delle matrici ecologiche, dalla difesa del suolo alla gestione dei rifiuti e dell’acqua. In tutto sono 900 i milioni all’anno messi sul piatto dal Ministero dell’Ambiente per realizzare le azioni essenziali al rispetto del paesaggio.

 

In particolare, è stato istituito nello stato di previsione del Dicastero un apposito Fondo da ripartire, una volta sentito il parere della Conferenza unificata Stato-regioni, ma anche delle città e degli enti locali, con una dotazione di 10 milioni di euro per l’esercizio 2014, 30 milioni per l’esercizio 2015 e 50 milioni per l’esercizio 2016, al fine di finanziare un piano straordinario di tutela e gestione della risorsa idrica, finalizzato prioritariamente a potenziare la capacità di depurazione dei reflui urbani.

 

In arrivo anche un Piano straordinario per la bonifica delle discariche abusive: ben 60 i milioni di euro stanziati per gli anni 2014-2015 e 60 per il 2016. Il provvedimento è rivolto ai siti individuati dalle autorità competenti statali in relazione alla procedura di infrazione europea numero 2003/2007. Sono potenziati anche gli interventi per la difesa del suolo, a cui sono destinati 500 milioni di euro. In questo caso, si legge nella nota del Ministero dell’Ambiente, entro il 1 marzo 2014 lo stesso dicastero si impegna a verificare la compatibilità degli Accordi di programma per velocizzare quanto più possibile le azioni volte a tutelare l’incolumità delle persone che vivono nei territori più a rischio e ad avanzare, se necessario, alle Regioni richiesta di aggiornamenti o integrazioni.