Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Biometano e guida ecologica: parte l’EcoRally 2014

  1. Home
  2. Life
  3. Biometano e guida ecologica: parte l’EcoRally 2014

Da San Marino al Vaticano solo con motori elettrici, ibridi o a energia alternativa: ecco il campionato delle automobili a impatto zero

Semaforo verde per l’EcoRally 2014 della FIA. Prende il via questo fine settimana nella Repubblica di San Marino la gara internazionale riservata ai veicoli ecologici. Sabato 10 e domenica 11 maggio le più innovative e pulite automobili a basso impatto ambientale si sfideranno lungo un percorso che dall'antica Repubblica del Titano, attraverso Marche, Toscana, Umbria e Lazio, arriverà a Roma in piazza San Pietro.

Il tragitto è lungo 521 chilometri e sarà suddiviso in 2 tappe e 2 categorie, a seconda del tipo di motore. Come da tradizione infatti, anche in questa nona edizione saranno ammessi a partecipare solo veicoli ecologici. Mezzi ibridi, a GPL, metano, biodiesel e idrogeno gareggeranno nella stessa categoria, mentre per le auto elettriche è previsto un percorso speciale a chilometraggio ridotto. Le automobili devono essere omologate per trasportare da due a sette persone, prodotte in serie in uno o limitati esemplari, dotate di targhe ufficiali per circolare su strade pubbliche.

 

ECORALLY 2014 E GREENBOX

L’edizione 2014 dell’EcoRally punta ad essere ancora più ecologica delle precedenti. Per l’occasione è stato infatti lanciato il progetto GreenBox: una sorta di “scatola nera” in grado di misurare in base a parametri “green” lo stile di guida dei piloti. L’hardware – che sarà installato su una delle 500 EcoAbarth a metano e gpl del team campione del mondo dello scorso campionato 2013 – registra in tempo reale i dati su accelerazioni e decelerazioni, emissioni, uso del cambio e altri comportamenti al volante per stilare una classifica dei piloti più sostenibili.

Altra novità di quest’anno è la presenza della prima vettura a biometano, cioè metano prodotto dai residui organici provenienti da residui vegetali o animali. L’auto è del Cib- Consorzio Italiano Biogas e parteciperà alla gara da outsider: la tecnologia infatti deve ancora ottenere alcune delibere tecniche dall’Aeeg e dal Gse.

 

@fenicediboston

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.