Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Aziende agroalimentari, il progetto Co2 Resa per il risparmio energetico

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Aziende agroalimentari, il progetto Co2 Resa per il risparmio energetico

Promosso da Csqa Certificazioni e Valoritalia, promuove l’attuazione di una gestione più sostenibile delle emissioni di Co2 nel comparto. Vantaggi occupazionali e commerciali

Le aziende del settore agroalimentare diventano più sostenibili, con vantaggi occupazionali e commerciali. Come? Grazie a Co2 Resa, il progetto attraverso il quale Csqa Certificazioni, insieme a Valoritalia, intende promuovere l’attuazione di una gestione più efficiente delle emissioni di gas serra in questo comparto, centrale nell’economia italiana.

COME FUNZIONA

Unico in Europa, si tratta di un vero e proprio registro all’interno del quale potranno essere iscritte tutte le imprese che hanno messo in pratica, nel corso dei due anni appena trascorsi, o lo faranno in futuro, azioni volte alla diminuzione o alla rimozione dell’inquinamento da Co2. Si parte dal vitivinicolo, poi toccherà anche ai settori dell’oleario e del caseario, fino a coinvolgere uno alla volta tutti i comparti dell’agroalimentare.

COME ISCRIVERSI

Basta collegarsi al sito internet dedicato. Qui potranno essere inserite tutte le imprese che intenderanno mettere in campo strategie di riduzione del proprio impatto ambientale, seguendo inizialmente tre strade: installando impianti fotovoltaici per la produzione di energia, sfruttando il biochar come fertilizzante e migliorando la gestione di siepi e boschetti sulle superfici agricole. Quelle che già hanno portato avanti interventi in questo senso devono essere in linea con le metodologie richieste. I crediti di carbonio generati da queste attività possono a loro volta essere acquistati da altre imprese che intendono attuare un percorso di miglioramento ambientale sicuro e trasparente.

LA PAROLA ALL’ESPERTO

Secondo Michele Crivellaro, referente di Co2 Resa di Csqa, “si tratta di una iniziativa che punta a dare risalto agli interventi in materia di cambiamenti climatici ed efficientamento energetico di questo settore chiave dell’economia italiana. Numerosi sono i vantaggi per le aziende che seguono questa strada, non solo ambientali ma anche occupazionali e commerciali”.