Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Aiuti alle imprese, ecco i bandi e i contributi per le pmi

  1. Home
  2. What's next
  3. Aiuti alle imprese, ecco i bandi e i contributi per le pmi

Dai 120 milioni della Campania per promuovere lo sviluppo ai fondi per l'imprenditoria femminile a Ferrara, i principali incentivi messi a disposizione nelle varie regioni italiane

Le piccole e medie imprese rappresentano il cuore pulsante dell'economia delle varie regioni italiane. In molti casi, l'avvio delle attività, l'acquisto di macchinari e brevetti viene incentivato da fondi e contributi erogati dalla istituzioni locali. Energie Sensibili ha selezionato i principali bandi attivi in questo momento.

 

LOMBARDIA

La Camera di Commercio di Sondrio ha deciso di stanziare un fondo a favore delle imprese artigiane per incentivarle a partecipare alla manifestazione “Artigiano in Fiera 2015” in programma a Milano dal 5 al 13 dicembre, nell'ambito del programma “Valtellina for Expo” che mira alla promozione delle imprese locali a livello internazionale.

Possono ricevere il contributo tutte le Pmi della provincia per un importo pari al 50% delle spese sostenute. La scadenza per l'invio delle domande è fissata 31 dicembre 2015.

 

CAMPANIA

La regione campana ha deciso di stanziare 120 milioni di euro per promuovere lo sviluppo e la competitività delle imprese locali.

I contributi sono destinati alle imprese attive da almeno due anni, sono previsti incentivi per la creazione di nuovi stabilimenti o per l'ampliamento degli stessi, per l'avvio di un'attività connessa volta a favorire l'efficienza energetica, la tecnologia e il marketing.

Le domande potranno essere inviate entro il 31 dicembre 2015 salvo esaurimento dei fondi.

 

ABRUZZO

L’Abruzzo sostiene i progetti di innovazione tecnologica avviati dalle imprese locali favorendo nuovi investimenti sul territorio. Possono accedere al bando le piccole e medie imprese localo. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato per lunedì 7 dicembre 2015

L'obiettivo è quello di concedere aiuti per sostenere investimenti volti alla ristrutturazione o l'ammodernamento degli impianti, in modo da favorire un rilevante miglioramento delle prestazioni dell'impresa in termini di posizionamento competitivo e di impatto ambientale.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 1 gennaio 2015 e obbligatoriamente concluse. In particolare, potranno essere rimborsati, in tutto o in parte, i costi effettuate per acquisto di macchinari, impianti, software, brevetti, licenze, servizi di consulenza e perizie tecniche.

 

EMILIA ROMAGNA

La Camera di Commercio di Ferrara incentiva l'avvio di nuove imprese femminili attraverso un bando che concede i contributi alle imprenditrici. Vi possono accedere le aziende pronte ad avviare la nuova attività entro il 30 settembre 2016 o quelle già iscritte al Registro camerale entro il 1 luglio 2015. Ogni impresa potrà beneficiare fino a un tetto massimo di 4000 euro per l'acquisto di beni strumentali, registrazione di marchi e brevetti, ricerche di mercato e servizi di consulenza.

Le domande potranno essere inviate a partire dal 15 dicembre 2015 al 27 febbraio 2016.

 

PUGLIA

Le nuove imprese del territorio pugliese vengono aiutate dal fondo NIDI, Nuove Iniziative d'Impresa, il plafond di risorse gestito in collaborazione con l'Unione europea.

Possono richiedere gli incentivi per l'avvio delle Pmi tutte quelle partecipate, per almeno la metà, da giovani under 35, donne di età superiore a 18 anni, disoccupati da almeno 3 mesi, persone in procinto di perdere il lavoro e i precari con Partita Iva.

È necessario compilare una domanda preliminare, senza scadenza, con la descrizione del progetto, dei soggetti proponenti e degli investimenti di spesa previsti.

Se si prevede di avviare l'impresa con investimenti fino a 50mila euro l'agevolazione è pari al 100%. Inoltre, è previsto un rimborso spese per la gestione dei primi sei mesi di attività, pari a 10mila euro.