Sorgenia
cerca
Accedi accedi

5 associazioni per un posto migliore: l’impegno di Sorgenia

  1. Home
  2. Smart energy
  3. 5 associazioni per un posto migliore: l’impegno di Sorgenia

Con il progetto “Make it a better place” offriremo alle realtà benefiche che operano sul territorio il nostro sostegno, il nostro tempo, la nostra energia

“Cercate di lasciare questo mondo un po' migliore di come l'avete trovato”. È una famosa frase di Baden Powell, il fondatore dello scoutismo. Personalmente non ho mai vissuto l’esperienza da scout, ma penso che questa frase descriva un impegno semplice, assolutamente non proibitivo, che ogni uomo o donna sul pianeta dovrebbe perseguire, indipendentemente che si porti o meno un fazzolettone al collo.

Il motto descrive anche quello che un’azienda dovrebbe fare. Le imprese operano sul territorio, locale o nazionale, interagendo con la comunità che vi risiede; è una loro precisa responsabilità impegnarsi per contribuire al loro miglioramento. È quello che abbiamo provato a fare anche noi fin dal 1999, anno della fondazione di Sorgenia. L’ultima tappa di questo nostro percorso, almeno fino ad oggi, è il progetto “Make it a better place”, con cui ci stiamo impegnando a supportare cinque associazioni solidali, offrendo loro il nostro sostegno economico, il nostro tempo, la nostra energia.

 

DA PORTA I TUOI AMICI A PORTA IL TUO SOSTEGNO

I fan di Micheal Jackson avranno sicuramente colto, nel nome di questo progetto, la citazione della canzone Heal the world. Ebbene sì, lo ammettiamo, non è solo Baden Powell a ispirarci. Insomma, è un bel nome. Adatto a un bel progetto.

Di cosa si tratta? Di un’azione di sostegno che si lega a Porta i tuoi amici, l’iniziativa che garantisce a ogni nostro cliente che porta un amico in Sorgenia 30 euro di sconto per entrambi a ogni fornitura (quindi 30 euro a testa in caso di attivazione della sola energia elettrica, 60 in caso di fornitura di luce e gas).

Ebbene, ogni dipendente Sorgenia può scegliere di devolvere in beneficenza alle cinque associazioni i 30 euro risparmiati. Se lo fa, l’azienda si impegna a raddoppiare la cifra, aggiungendo ulteriori 30 euro.

Come accennato, però, il nostro impegno non è solo economico. La comunità di colleghi, su base volontaria, verrà coinvolta nelle attività delle cinque associazioni, offrendo il proprio tempo e le proprie energie, mettendosi in gioco, creando sinergie che speriamo possano andare ben oltre la durata di questo progetto (che comunque continuerà almeno fino al prossimo anno).

 

LE 5 ASSOCIAZIONI CHE SORGENIA SOSTIENE

Il progetto è stato lanciato a marzo. Sono stati i dipendenti stessi a proporre le associazioni da sostenere, indicando a tutta la comunità dei colleghi realtà piccole che loro conoscono personalmente o a cui sono particolarmente legati, che operano con azioni concrete, per le quali il nostro aiuto potesse davvero fare la differenza.

Alla fine della selezione, sono state individuate le destinatarie del progetto Make it a better place: Tukiki, Un… due… tre… Alessio, La casa di Sam, il Banco di solidarietà Madre Teresa Onlus, Art4sport. Avremo modo di approfondire le loro storie sulle pagine di questo magazine digitale, intanto, una breve presentazione.

Tukiki è un progetto solidale che vuole dare a ragazzi affetti da disabilità cognitive la possibilità di praticare il calcio senza barriere.

 

L’associazione Un… due… tre… Alessio si occupa di dare sostegno alle famiglie i cui bimbi sono ricoverati al reparto oncoematologico dell'Ospedale Bambino Gesù e di sensibilizzare le persone sulla donazione del midollo osseo.

 

La casa di Sam è un centro diurno accreditato che accoglie adolescenti segnalati dai servizi sociali e li aiuta a costruire un futuro migliore.

 

Il Banco di solidarietà Madre Teresa Onlus distribuisce ai più bisognosi più di 65mila chilogrammi di cibo ogni anno.

Art4Sport utilizza lo sport come terapia per il recupero fisico e psicologico dei bambini e dei ragazzi portatori di protesi di arto; è l’associazione fondata dai genitori di Bebe Vio, nostra testimonial e compagna di avventure, fra cui i Giochi senza barriere, a cui abbiamo partecipato anche noi, mettendoci tutta la nostra energia.

 

VOTA ANTONIO, VOTA ANTONIO, VOTA ANTONIO!

Uno degli aspetti più divertenti, e anche emozionanti, di Make it a better place è stata la selezione delle associazioni. I dipendenti, infatti, hanno proposto realtà che conoscevano direttamente, con cui magari si erano già impegnati in azioni di volontariato, e solo le cinque più votate dalla comunità dei colleghi sarebbero state parte del progetto. Si è quindi scatenata una vera e propria campagna elettorale per i corridoi di Sorgenia, a colpi di video, creatività, addirittura striscioni!

La condivisione di momenti divertenti è uno degli ingredienti indispensabili per la crescita di ogni team di lavoro, ma la cosa che più è emersa dalla campagna elettorale è stata è l’attaccamento di queste persone al progetto presentato. Chi ha proposto un’associazione, ci teneva davvero che questa venisse selezionata, perché la sentiva come “sua”. Lo stesso grado di empatia che poi tutta Sorgenia ha provato verso i volontari di queste realtà, quando sono stati invitati a raccontare le loro storie e a presentare i propri progetti. È stato emozionante incontrarli, e lo sarà ancora di più impegnarsi insieme a loro per provare anche noi a fare del mondo un posto migliore di quello che abbiamo trovato.