Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Gli speciali
Gli speciali

5 tecnologie italiane per raccontare il 2016

  1. Home
  2. 5 tecnologie italiane per raccontare il 2016

Introduzione

Dalle stampanti 3d all’app per ritrovare gli oggetti smarriti. Quando gli italiani la fanno meglio (la tecnologia). Ne abbiamo scelte cinque

Ce n’è per tutti: dalla bici elettrica a prova di ladro al dispositivo che trasforma la tua vecchia macchina fotografica in digitale. Gli italiani in questo 2016 si sono fatti valere nell’ambito delle innovazioni tecnologiche e noi abbiamo voluto raccontarvele. Ne abbiamo scelto cinque per voi.

Siete degli amanti della bicicletta (anche in città) ma la paura del furto vi blocca. Questi italiani hanno progettata l’e-bike che fa per voi. La Neox, la prima bici elettrica dotata di antifurto digitale e ruote smontabili.

Italiani da record, in questo 2016, anche nell’ambito delle stampanti 3d. ONO è la stampante più piccola al mondo, grande come una scatola di scarpe, ed è anche la prima per realizzare smartphone. L’altra storia italiana è quella di BigDelta, raggiunge i dodici metri di altezza e realizza case con materiali riciclabili.

Se siete amanti della fotografia analogica ma buttando un occhio al digitale dovete assolutamente conoscere la storia di I’m back. Sembra un giocattolo per bambini ma è il dispositivo che trasforma le macchine fotografiche da analogiche a digitali.

Non ci siamo ovviamente scordati dell’efficienza energetica e del risparmio energetico. Dalla Sicilia arriva il robottino Momo. Anche lui può sembrare un giocattolo, ma saprà aiutarvi a ridurre i consumi di energia in casa. Il robot domestico è infatti capace di monitorare a 360 gradi la vostra abitazione: dal controllo delle luci a quello della temperatura, per passare alla gestione dei livelli di gas fino al riconoscimento delle richieste di aiuto.  

Siete invece delle persone distratte e perdete spesso smartphone, portafoglio e chiavi? Non preoccupatevi, arriva FindMyLost. Il nome spiega già tutto: una web app che mette in contatto chi perde un oggetto con chi lo ritrova. Sperando sempre nella buona fede degli altri.