Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Innovazione e tecnologia sociale: i Green Maker si incontrano a Milano

  1. Home
  2. What's next
  3. Innovazione e tecnologia sociale: i Green Maker si incontrano a Milano

Una sezione della fiera Fa’ la cosa giusta! (28-30 marzo 2014) dedicata agli artigiani digitali sostenibili. Energie Sensibili li incontra in anteprima

Si chiamano Green Makers, artigiani digitali sostenibili, e sono la vera novità del panorama imprenditoriale degli ultimi anni. Dopo la Maker Faire 2013, che ha portato a Roma invenzioni come la Ferrari solare e il pennarello che disegna circuiti elettrici, gli innovatori verdi si danno appuntamento a Milano dal 28 al 30 marzo a Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.

La kermesse è organizzata da Insieme nelle Terre di mezzo onlus, e per la prima volta nel 2014 avrà una sezione dedicata ai Green Makers: designer, autoproduttori e startupper che presenteranno progetti di macchinari e soluzioni all’avanguardia nel campo del risparmio e dell’efficienza energetica. Tutte tecnologie con un software open source, cioè liberamente accessibile a tutti.

Noi di Energie Sensibili abbiamo dato uno sguardo in anteprima allo Spazio Makers di Fa’ la cosa giusta!, e incontrato alcuni degli startupper che presenteranno soluzioni tecnologiche a basso impatto ambientale: inventori col pallino della sostenibilità.

 

JOS TECHNOLOGY – Startup toscana che progetta pannelli per la ricarica di device elettronici senza cavi. Il brevetto si basa su un foglio microforato elettrificato a bassa tensione: lo smartphone o il tablet si poggiano sul pannello e si ricaricano senza fili.


DBGLOVE – Consentire alle persone sordo-cieche di utilizzare smartphone e tablet al massimo delle loro funzionalità. Per questo è nato DbGlove, un “guanto” che utilizza l’alfabeto Malossi: le falangi delle mani corrispondono a diverse lettere dell’alfabeto, premendo le quali è possibile comporre e inviare testi.


SHAREBOT – E’ una giovane startup di stampanti 3D. La peculiarità di Sharebot rispetto alle altre 3D-printer è di utilizzare tantissimi materiali, dal nylon al PLA che è un polimero naturale ricavato dalle piante ad alto contenuto di destrosio (grano, barbabietola da zucchero). Stampa ecologica e low cost.


BEHANDY – Un’associazione per il turismo accessibile, che organizza visite storico-culturali nelle città italiane per persone disabili. Sfruttando la tecnologia, BeHandy si occupa di mappare il territorio e raccogliere informazioni utili per i turisti con difficoltà motorie, visive, uditive.

 

 

@fenicediboston

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.