Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Glow, il segugio degli sprechi energetici

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Glow, il segugio degli sprechi energetici

Un’innovativa tecnologia di rilevazione magneto-tensiva che rileva a distanza i consumi anomali di elettricità nella nostra casa. E ci aiuta ad evitarli

Ridurre la propria bolletta elettrica è una questione di buone abitudini, ma anche di tecnologia. No, stavolta non parliamo di impegnativi interventi di efficientamento, che certo si ripagano col tempo, ma di un piccolo apparecchio wireless, anche bello da vedere, che può tenere sotto controllo i nostri consumi elettrici di casa. Si chiama Glow ed è il frutto del lavoro di Potential Labs, una giovane  startup di Athens (che non è la capitale della Grecia ma si trova negli Stati Uniti, in Ohio). Usando le parole del suo ideatore, Ben Lachmann, “Glow è il primo tracker di energia elettrica per la vostra casa”. 

glow 1.jpg

COME FUNZIONA GLOW?

Si tratta di un innovativo rilevatore magneto-tensivo che individua e analizza a distanza i consumi di energia elettrica.  Il sensore può essere installato nella propria abitazione in modalità completamente wireless e subito comincia a raccogliere informazioni sui consumi dell’abitazione in cui si trova, dall’illuminazione a ogni singolo elettrodomestico. “Secondo i dati in nostro possesso – spiega Bech Lachmann – le abitazioni americane sprecano almeno il 40% dei propri consumi, per un costo che si aggira sui 540 dollari l’anno. Grazie a un monitoraggio avanzato, come quello offerto da Glow, tali consumi possono ridursi dal 5 al 20%”.

 

UN MONITORAGGIO CONTINUO, ANCHE FUORI CASA

Una volta impostati i parametri sui consumi medi della nostra abitazione, Glow comincia il suo lavoro di monitoraggio attivo. I dati raccolti dal sensore vengono infatti inviati in tempo reale a un’app (scaricabile gratuitamente) che ci avverte, anche se siamo fuori casa, se ci sono dei consumi anomali. Per esempio se il nostro frigorifero è stato lasciato aperto o se nel cuore della notte è rimasta una luce accesa. Oltre ai feedback sui consumi, l’app invia anche dei suggerimenti su come ridurre i consumi medi. Il sistema può essere anche impostato su un limite massimo di spesa mensile per la bolletta, così che Glow diventi più intransigente. 

glow 2.jpg

 

UNA SEMPLICE LUCE CI AVVERTE SE STIAMO SPRECANDO ENERGIA

Nel pacchetto del dispositivo viene venduta l’interfaccia fisica. Quest’ultima è proprio il cuore “user friendly” di Glow. Nell’aspetto è un oggetto di design elegante, simile a una moderna abat jour, da sfoggiare al centro del salotto.  Il suo compito principale è però quello di avvertirci, cambiando semplicemente il colore della sua luce, se ci sono dei consumi anomali in casa. Un autentico segugio, quindi, pronto a fiutare gli sprechi.

glow 3.jpg