Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Genova dimezzerà la bolletta grazie all’efficienza energetica

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Genova dimezzerà la bolletta grazie all’efficienza energetica

Grazie a un progetto, presentato dalla Fondazione Muvita e Agenzia Regionale per l’Energia, verranno ridotti i consumi in 16 condomini, potando la spesa da 32 mila a 16 mila euro

In sedici condomini della provincia di Genova il prezzo della bolletta energetica annua scenderà da 32 mila a 16 mila euro. Tutto grazie a interventi messi in atto per migliorare l’efficienza energetica.

 

Nello specifico, sarà possibile raggiungere questo obiettivo grazie al progetto degli esperti di Fondazione Muvita, Agenzia Regionale per l’Energia (Are) e Università di Genova, coadiuvati da una trentina di professionisti che hanno prestato la propria opera a titolo gratuito. Attraverso l’analisi energetica effettuata da questi ultimi sono stati individuati interventi di efficientamento che garantiranno una triplice opportunità: far risparmiare le famiglie, diminuire l’impronta ambientale delle città e assicurare sviluppo per le imprese del settore.

 

I progetti proposti consistono, in media, in lavori del valore di 170 mila euro che, all’atto pratico, scenderebbero fino a 59.500 euro a condominio in virtù della detrazione fiscale del 65 per cento di cui godranno, fino al giugno 2014, le spese per lavori di riqualificazione energetica. Uno scenario che consentirebbe di ammortizzare l’investimento iniziale in meno di cinque anni.


Consumare meno e meglio vuol dire anche diminuire gli inquinanti prodotti. Ottimizzare il rendimento energetico delle abitazione non vuole dire solo mantenere più facilmente il riscaldamento in inverno ma anche facilitare il raffrescamento estivo, rallentando la diffusione dall’esterno verso l’interno di nuova aria calda. La riduzione dell’inquinamento, calcolato sui 16 condomini su cui si interverrà, si attesta intorno alle 380 tonnellate in meno all’anno di CO2, senza considerare il taglio di altri inquinanti come ossidi di azoto e polveri sottili.

 

“La Green Economy – ha affermato Dario Miroglio responsabile del progetto per la Provincia di Genova – è un fatto reale, non uno slogan vuoto. La riqualificazione energetica delle abitazioni permette troppi vantaggi da troppi punti di vista per essere ignorata. L’obiettivo della nostra iniziativa è informare il maggior numero possibile di cittadini per fare in modo che questo tipo di intervento venga considerato una prassi consolidata”.


Anche secondo Marco Castagna direttore della Fondazione Muvita il modello che verrà sperimentato a Genova meriterebbe di essere esteso e diventare un caso di scuola a livello nazionale. “Siamo stati invitati – ha detto Castagna – a presentare il nostro programma in molte altre città italiane tra cui Milano, Prato, Piacenza, Bergamo, Torino e Ancona”.


L’impegno della città ligure per diffondere la cultura del risparmio energetico è confermata anche dal recente finanziamento di nove corsi di formazione professionale per le figure di energy manager ed “esperto nell’ambito della diagnosi energetica”. Un’ulteriore conferma del fatto che in Italia qualcosa si sta muovendo verso lo sviluppo di una maggiore sensibilità per i temi energetici.