Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Energia pulita e bassi consumi: il futuro sostenibile dello stadio Maracana

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Energia pulita e bassi consumi: il futuro sostenibile dello stadio Maracana

La storica arena di Rio de Janeiro ospiterà la finale dei Mondiali Fifa 2014: pannelli fotovoltaici sul tetto e riciclo delle acque per il risparmio energetico

Il tempio del calcio carioca sarà più verde del solito per i prossimi Mondiali di calcio in Brasile. Stiamo parlando dello stadio Mario Filho, meglio conosciuto come Maracana, il più capiente e famoso dello stato e dell'intero Sud America. Il nome originale è dedicato al giornalista Mario Filho, che si è battuto per la sua costruzione, mentre Maracana viene dal quartiere di Rio de Janeiro (e dal fiume che vi scorre) dove fu edificato nel 1950, in occasione della prima Coppa del mondo ospitata in Brasile. Il 13 luglio, dopo 64 anni, si disputerà sullo stesso campo la finale di questa edizione della Fifa World Cup, che sarà ricordata anche come la più eco-sostenibile.


LA RISTRUTTURAZIONE

La riconversione in chiave ecologica dello stadio era già prevista prima dei mondiali, ma la Fifa ha fortemente spinto verso l'accelerazione del processo.
I lavori sono durati nove mesi, per concludersi ad aprile 2013: la facciata esterna, considerata patrimonio dell’Istituto Nazionale di Storia ed Arte, è rimasta intatta, mentre sono state abbattute e ricostruite le gradinate interne, con poltroncine dai colori nazionali. La capienza attuale è stata ridotta per motivi di sicurezza a 78.838 posti a sedere, lontana dai 165.000 previsti dal progetto originario e dai 200.000 spettatori record della finale con l'Uruguay del 1950.

 

 

ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA

 I cambiamenti più importanti riguardano l'aspetto energetico della struttura. L'illuminazione dello stadio sarà rivoluzionata grazie ad una partnership dello stato di Rio de Janeiro con la holding cinese Yingli Green Energy, Light ESCO, EDF Consultoria e Schlaich Bergermann & Partner. La società cinese ha fornito 1556 moduli Serie YGE da 60 celle, distribuiti su un'area di montaggio di 2380 metri quadrati, creando così un sistema fotovoltaico capace di fornire energia elettrica per 240 abitazioni ogni anno, evitando l'emissione di 2560 tonnellate di anidride carbonica. Light ESCO e EDF Consultoria si sono occupate della fase di installazione, montando i pannelli su un anello metallico di 183 tonnellate che circonda la parte superiore del Maracana.  

 

RISPARMIO IDRICO

 Il tetto è stato ricostruito e sostituito con una membrana di vetro e teflon, munita di un sistema di raccolta dell'acqua piovana che permetterà, come nel Mane Garrincha di Brasilia, di riutilizzarla per gli spogliatoi el'irrigazione del campo, garantendo fino al 95% della copertura idrica. 

 

 

VISIBILITA'

 La scelta dell'anello superiore non è stata dettata solo da questioni tecniche, ma è anche una scelta di visibilità ed immagine per diffondere e aumentare la coscienza ambientale in una vetrina mondiale così importante e seguita. "La sostenibilità costituisce uno degli elementi chiave della nostra visione della Fifa World Cup del 2014 - ha dichiarato Frederico Addiechi, direttore della Csr Fifa - Speriamo che questo importante progetto faccia da catalizzatore per altri stadi di calcio affinché vengano installati impianti fotovoltaici in tutto il Brasile, in modo da aumentare la produzione e l'uso di energia rinnovabile".

 

@MarioLuongo6

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter