Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Ecobonus 2015, online la Guida dell’Enea all’efficienza energetica

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Ecobonus 2015, online la Guida dell’Enea all’efficienza energetica

L'Agenzia nazionale, insieme al Ministero dello Sviluppo Economico, ha pubblicato un vademecum con le indicazioni per ottenere gli incentivi e gli obblighi e le scadenze per imprese e famiglie

Tutto quello che c’è da sapere sull’Ecobonus 2015 è online. L’Enea, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo economico, ha pubblicato sul sito internet dedicato il vademecum completo in materia di efficienza energetica. Non solo leggi e novità previste dalla Legge di Stabilità e dal decreto legislativo 102/2014. La guida riporta in maniera dettagliata obblighi e scadenze per famiglie, imprese e pubblica amministrazione.

 

ECOBONUS E DETRAZIONI

Tra le innovazioni principali, ricorda l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, c’è l’estensione degli incentivi sotto forma di detrazioni del 65%, introdotta dalla Legge di Stabilità. Per quanto riguarda gli Ecobonus, dal 2015 valgono anche per l’acquisto e la posa in opera di schermature solari, e saranno detraibili anche le spese per tende esterne, chiusure oscuranti e dispositivi di protezione solare. Sono inoltre rinnovate le detrazioni del 50% per le ristrutturazioni e del 65% per gli interventi di efficienza energetica.

Si ricorda che la documentazione obbligatoria per beneficiare degli incentivi dovrà essere inviata all’Enea, che svolge un importante ruolo di monitoraggio delle richieste inviate oltre che assistenza tecnica nei confronti degli utenti.

 

Leggi anche: Ecobonus 2015, le agevolazioni per la riqualificazione energetica


FINANZIAMENTI E FORMAZIONE

Nella “Guida all’efficienza per il 2015” di Enea c’è spazio anche per le novità contenute nel decreto legislativo 102 del 2014 di “Attuazione della direttiva 2012/27/Ue sull’efficienza energetica”. Si tratta di norme che hanno l’obiettivo di migliorare le performance in materia in tutti i settori e di ridurre del 20% i consumi di energia primaria entro il 2020.

È prevista l’istituzione di un Fondo per l’efficienza energetica per sostenere la realizzazione di interventi mediante le Esco, il ricorso a forme di partenariato pubblico-privato e società di progetto, per una dotazione totale di 5 milioni di euro per il 2014 e 25 milioni per il 2015. È inoltre affidata ad Accrediala responsabilità di stabilire i criteri di certificazione in materia di Esco, esperti in gestione dell’energia e diagnosi energetiche.

Spazio anche alla formazione: Enea predisporrà, secondo quanto stabilito dal decreto, un programma triennale di aggiornamento sull’efficienza energetica, rivolto a piccole e medie imprese, dipendenti pubblici e famiglie, da sottoporre al Ministero per lo Sviluppo economico. 

 

Per approfondire: Innovazione e sostenibilità: così può ripartire l'edilizia in Italia