Sorgenia
Accedi accedi

Tetrapak: differenziata senza problemi

Ecco le buone pratiche per riciclare al meglio un materiale che ha rivoluzionato il modo di conservare e trasportare gli alimenti

Tra i massimi dilemmi dell’umanità ci sono anche quelli che riguardano il tetrapak e la differenziata. Sebbene molte leggende narrino che questo materiale debba essere gettato nel bidone della plastica, noi ci teniamo a smentire queste voci. In molti non conoscono la composizione del materiale per eccellenza utilizzato per mantenere e trasportare gli alimenti liquidi e non solo. Ma, facendo una breve ricerca, è semplice capire che l’azienda che l’ha ideato ha da sempre puntato alla eco sostenibilità del prodotto.

 

COS’È IL TETRAPAK

Per capire come comportarsi con tetrapak e differenziata, quindi in quale cassonetto va gettato, bisogna sapere cos’è il tetrapak. Il materiale che tutti abbiamo a casa perché ha rivoluzionato il modo di conservare e trasportate molti alimenti, tra cui latte e succhi di frutta.

Tutti hanno almeno una confezione di questo materiale in casa, ma pochissimi sanno che è completamente riciclabile, perché tutti i suoi componenti sono uniti tra loro senza l’utilizzo di collanti chimici. L’idea è nata dall’omonima azienda svedese che nel 1952 ne realizzò il primo esemplare e prende il nome dalla sua forma distinguibile, ovvero il tetraedro.

La sua composizione è stata sviluppata con uno speciale poliaccoppiato composto per la maggior parte da carta, da polietilene (materiale plastico) e da alluminio. L’utilizzo dell’alluminio è importante per proteggere gli alimenti dagli agenti esterni, dall’ossigeno e dalla luce. Mentre, il materiale plastico permette al contenitore di essere completamente impermeabile.

 

 

TETRAPAK E DIFFERENZIATA, DOVE LO BUTTO?

Sono molti ad avere dubbi su tetrapak e differenziata, ma basta qualche ricerca. Molte aziende che si occupano di fornire il servizio di raccolta differenziata mettono a disposizione tutto il materiale informativo sui loro siti. O altre volte è sufficiente connettersi al portale online del proprio Comune di residenza o leggere le brochure che vi sono state recapitate a casa insieme al piccolo bidone dell’umido.

Arriviamo al punto cruciale: il tetrapak in quale bidone della differenziata va gettato? Nella maggior parte dei Comuni italiani il tetrapak va differenziato insieme alla carta e al cartone, ma seguendo sempre alcune semplici regole.

 

TETRAPAK E LE REGOLE DELLA DIFFERENZIATA

Le regole uguali per tutti che riguardano il tetrapak e la differenziata sono solo due. La prima buona pratica è quella che richiede il risciacquo del contenitore prima di essere differenziato, per eliminare i residui di cibo e bevande.

Altra regola, per seguire le buone pratiche del differenziatore diligente, è dividere il tappo di plastica e gettarlo nell’apposito contenitore.