Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Let’s Play, il grande festival del Videogioco di Roma

Giochi in anteprima, tornei e laboratori di programmazione . Spazio youtubers e angolo del retrogame. Consegna infine del Drago D’Oro, il primo oscar dei videogiochi.

Roma Capitale anche del videogioco. La Città Eterna ospita Let’s Play,  il primo grande Festival dedicato al Videogioco di Roma. Circa 30mila metri quadri di esposizione per oltre 200 macchine sulle quali i visitatori potranno provare le ultime, entusiasmanti, novità del settore videoludico.

Numeri di tutto rispetto, quelli dell’evento in scena al Guido Reni District fino al 19 marzo. Come lo sono, d’altronde, quelli relativi al fenomeno videoludico in Italia. L’AESVI, l’Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani, stima infatti in circa 25 milioni i videogiocatori italiani, che hanno spinto un indotto del settore che nel 2015 ha sfiorato il miliardo di euro. Ecco perché non sarà strano incontrare a Let’s Play istituzioni pubbliche come la Regione Lazio, accanto a professionisti del settore e ad autentici maniaci del joypad.

 

PROVE SU STRADA E TORNEI

L’evento è innanzitutto un’occasione per mettere le mani in anteprima sulle periferiche appena uscite di cui tutti parlano. Vi piacerà il tanto discusso Nintendo Swith? Quale sarà il visore per la realtà virtuale che vi coinvolgerà di più? Poi, ovviamente, si passa ai giochi del momento: For Honor, Fifa 17, Call of Duty: Infinite Warfare, Tekken 7, Mario Sports: Supertstars, Halo Wars 2. Per dirne solo alcuni. I visitatori possono semplicemente provarli, o iscriversi ad autentici tornei.  Quale videogiocatore, per quanto alle prime armi, potrebbe rinunciare a un po’ di competizione?

SPAZI DEDICATI A SCUOLE, FAMIGLIE E ISTITUZIONI

Il Videogioco non può essere più considerato come un semplice modo per sprecare il proprio tempo. C’è ormai troppa tecnologia in campo e troppe sono le potenzialità economiche in gioco. Ecco perché un festival del videogioco grande come Let’sPlay non poteva non dedicare ampio spazio all’aspetto formativo e professionale del fenomeno. Ecco quindi i laboratori di programmazione per i più piccoli,  i dibattiti culturali e gli incontri con tra professionisti del settore e istituzioni pubbliche.  

 

LARGO AGLI YOUTUBERS

Forse il gaming è uno dei settori in cui il fenomeno degli youtubers ha creato le sue star più sorprendenti. Proprio per questo Let’s Play ha organizzato incontri quotidiani con  FaviJ, i Mates, Lasabrigamer, i fratelli Jok3r e Cicciogamer98  e altri mostri sacri del genere che, a dispetto della giovane età, sono ormai personaggi universalmente conosciuti dal popolo dei gamers.

 

L’ANGOLO DEI NOSTALGICI

Non poteva mancare ovviamente l’angolo dei retrogames. Tra giochi pixellosi e consolle che vanno a cartuccia e carbone, gli appassionati del genere potrebbero sorprendersi cosa si riuscita a fare tanti anni fa con una manciata di bit.

 

IL DRAGO D’ORO

Il videogioco è ormai una realtà economico e culturale che goca ormai alla pari con il cinema. Ovvio che si pensasse ad una serie di premi dedicati ogni anno ai titoli migliori. Let’s Play inaugura quindi il Drago d’Oro, una sorta di Oscar dei videogiochi, celebrato proprio all’interno della kermesse.