Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Gaming, quando il controller si indossa

  1. Home
  2. What's next
  3. Gaming, quando il controller si indossa

E-skin è una maglia dotata di sensori che si collegano via bluetooth alla nostra consolle. Ci avverte anche se teniamo una postura scorretta

La Realtà Virtuale è oggi la nuova frontiera del gaming, ma forse molti di noi sono già stufi di doversi  calare in testa visori pesanti e ingombranti o di tenere in mano “stick” e “pad” dalle forme sempre più improbabili. Una startup giapponese, spin-off dell’Università di Tokyo, la Xenoma, ha realizzato quello che probabilmente è il sogno di ogni gamer: un controller che si indossa come una semplice maglietta. Il suo nome è “E-skin”.

 

COME FUNZIONA E-SKIN

L’ispirazione base del progetto viene dai costosi sensori per il motion capture utilizzati dal cinema ad alto badget. L’idea è stata poi quella di mettere quei sensori a disposizione del grosso pubblico. Ed ecco che nasce E-skin, il primo controller indossabile, ancora però non proprio  low cost (parliamo di 7.500 dollari).  Inutile dire quanto questo nuovo device possa arricchire le possibilità del gaming di ultima generazione, dalla realtà virtuale alla realtà aumentata. Non a caso la Xenoma ha già realizzato una partnership con la Microsoft per lavorare in sinergia con le nuove Holo Lens.

 

MA “E-SKIN” NON SERVE SOLO A GIOCARE

Ichiro Amimori, giovaneCo-Founder e CEO di Xenoma, ha sempre avuto come obiettivo dichiarato quello di creare nuove tecnologie capaci di migliorare la vita delle persone. E in fatti la sua E-skin non è solo un bel vestito ipertecnologico per giocare. La maglia del futuro, infatti, può esserci d’aiuto anche nello sport (registrando e correggendo le nostre performance) e nella cura della nostra salute (avvertendoci per esempio se stiamo tenendo una postura errata alla scrivania).

 

 

IPERTECNOLOGICO, PRATICO E… LAVABILE

E-Skin” è letteralmente una seconda pelle virtuale. Leggera ed elastica, dotata di 14 sensori cuciti direttamente tra le fibre, è addirittura lavabile in lavatrice. L’unico accessorio “pesante” è il cosiddetto “e-skin hub” che va rimosso prima del lavaggio. A parte questo dettaglio, è un indumento pratico, indossabile sotto la camicia.