Sorgenia
Accedi accedi

Un anno in musica, il 2016 scelto dal pubblico

I grandi successi che abbiamo canticchiato sotto la pioggia o con il sole, gli artisti che hanno segnato le quattro stagioni del pop

Quest’anno infausto sta per concludersi. Il pianeta musica in questi 12 mesi ha pianto grandi nomi, da David Bowie, Leonard Cohen a Prince. Ma è stato anche un anno di novità che abbiamo canticchiato almeno una volta sotto la doccia. Le rimettiamo i fila qui. A sceglierle è stato il pubblico, che ne ha decretato il successo. Riviviamo il 2016 in musica attraverso le stagioni: in primavera il pop che ci fa sbrinare, d’estate le hit più danzerecce e in autunno/inverno quelle più malinconiche da ascoltare rintanati in casa.

ARRIVA LA PRIMAVERA E IL POP SI SCATENA

La stagione musicale della primavera 2016 è stata inaugurata da una delle regine del pop americano, Jennifer Lopez. La portoricana tutte curve ci ha fatti divertire con il suo Ain’t your mama. Ma ad aggiudicarsi il primo posto, anche quest’anno, è Justin Timberlake, autore della hit più ascoltata in radio: Can’t stop the feeling.

Rihanna, non ha mai sbagliato un colpo in dodici anni di attività. La 28enne delle Barbados è tornata sui palcoscenici del mondo con il suo nuovo album Anti, considerato da molti il più bello di sempre.   

Nella lista non può mancare il ritorno, tanto agognato, dei Red Hot Chilli Peppers, leader del funk rock da più di vent’anni. Con The Getaway, troviamo questi ultra cinquantenni sempre al meglio della loro forma fisica e musicale. Il singolo che ha anticipato il disco, Black Necessities, ha un inizio molto da ballata nostalgica per tornare a quel ritmo spasmodico tipico del basso di Flea, che ormai ha tagliato i suoi famosi capelli turchesi.

Intorno ai Radiohead si crea ogni volta un’aspettativa altissima. Ad aprile sono letteralmente scomparsi dai loro profili dei social network. Probabilmente una trovata pubblicitaria per l’uscita di A Moon shaped pool, che guarda caso è uscito proprio l’8 maggio. Il singolo Daydreaming, è una sorta di ninna nanna che ci ha fatti commuovere un po’ tutti. Il genio di Thom Yorke si rinnova con questo inno ai sognatori che non smettono mai di sognare.

LE HIT DEL DANCEFLOOR DELL’ESTATE 2016

L’estate danzereccia di questo 2016 è capitanata soprattutto da nomi italiani. Come non citare la coppia Fedez j-Ax che hanno occupato la nostra mente con il loro singolo Vorrei ma non posto. Il primo singolo del duo rap, uscito in primavera, è stato l’inno della nostra estate. Il sodalizio tra i due continuerà anche nel 2017, con date del tour già sold out. Ma il tormentone indiscusso del 2016 è Andiamo a comandare. Il singolo, ha portato al successo il giovane Fabio Rovazzi, apparentemente uscito dal nulla. Il virus del “trattore in tangenziale” ha prima colpito i più giovani per poi spargersi a macchia d’olio sulle altre generazioni.

Anche il jazzista Raphael Gualazzi si è fatto ricordare sotto il sole. Con L’estate di John Wayne, Gualazzi ci ha regalato l’inno di questa stagione calda“stasera ho voglia di cantare, di gridare…di ballare in riva al mare”.

Alvaro Soler, giudice dell’ultima edizione di X Factor, ci ha rallegrato dall’afa con la sua canzone Sofia. Anche Sia, il caschetto platinato più famoso della musica, ci ha fatto ballare con Cheap Thrills. La versione remixata insieme al rapper giamaicano Sean Paul, è la nostra preferita dell’estate. Il mix elettronico dei suoni del dj Calvin Harris e la voce di Rihanna ci hanno fatto muovere sulle piste con la loro This is what you came for.

COLLEZIONE MALINCONIA FALL WINTER 2016

Arriva così l’autunno, il freddo e le tisane. Esce il quinto disco di Lady Gaga e siamo tutti più malinconici. Con il singolo Million Reasons, la cantautrice newyorkese sembra essersi tolta le vesti della show girl, per regalarci puramente la sua voce.

Se però l’inverno non vi fa perdere la voglia di ascoltare dance music, il singolo Let me love you di Dj Snake feat. Justin Bieber è al primo posto. Ammettiamolo il “nah nah nah” ci è entrato in testa.

Dopo 3 anni di silenzio è tornato anche Robbie Williams, e ci ha fatti iniziare novembre con il suo singolo (un po’ egocentrico) Love my life.

Noi siamo romantici e malinconici al punto giusto. Amiamo l’indie italiano, che probabilmente è meno conosciuto di questi re della musica pop e mainstream. Concedeteci di aggiungere tra le canzoni più ascoltate almeno due nomi. I loro video su Youtube hanno raggiunto (o quasi) le 2 milioni di visualizzazioni e sono Calcutta e TheGiornalisti. I loro motivetti, rispettivamente Oroscopo e Completamente ci sono entrati in testa e non se ne sono più andati.