Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Vacanze estive: le startup che aiutano la ripartenza del turismo

  1. Home
  2. Life
  3. Vacanze estive: le startup che aiutano la ripartenza del turismo

L’hospitality è stato uno dei settori più impattati dall’emergenza coronavirus. E la spinta verso il new normal può arrivare proprio dalle idee brillanti di imprenditori giovani e creativi

Città deserte per l’Italia ha significato turismo in ginocchio. Il Paese che del proprio patrimonio artistico e naturalistico ha fatto una delle proprie principali ricchezze, è stato costretto a chiudere ogni attività per tentare di limitare il contagio da Covid-19. E gli effetti del lockdown per il turismo - un settore che da solo vale il 13% del prodotto interno lordo nazionale - non si sono sentiti soltanto per i tre mesi di effettiva chiusura, da marzo a giugno, ma hanno provocato danni al mondo dell’hospitality anche prima e dopo il periodo più duro dell’emergenza, tanto da essere sentiti ancora oggi, nonostante gli spostamenti siano stati autorizzati e ci troviamo nel pieno dell’estate. Tutto questo si traduce, secondo le stime che stanno circolando, in una perdita approssimabile attorno ai 10 miliardi di euro.

Per dare nuovo slancio al turismo potrebbe essere fondamentale una robusta iniezione di innovazione nel settore, che potrebbe arrivare dalle startup e dalla creatività dei loro fondatori. A dimostrarlo è l’associazione Startup turismo, che esiste ormai da più di sette anni e rappresenta oltre 130 startup del travel e dell’hospitality, pari a quasi l’80% di quelle attive in questo comparto nel nostro Paese.

IL RUOLO DELL’INNOVAZIONE DIGITALE

L’innovazione si può applicare al turismo in diversi ambiti, a maggior ragione le tecnologie digitali possono dimostrarsi - in uno dei periodi più importanti dell’anno dal punto di vista del fatturato per l’industria turistica nazionale - particolarmente utili per superare con più slancio alcuni degli ostacoli che oggi le aziende del settore si trovano davanti prima di poter pensare a una ripresa sostenuta. Che si tratti di check-in online o di procedure sempre più snelle per poter affrontare un viaggio, di sanificazione rapida ed efficace dei locali o di metodi innovativi per garantire il distanziamento sociale, o di strumenti di marketing innovativi, ogni idea può essere determinante per accelerare la ripresa: farsi trovare pronti ad accogliere i turisti nel modo migliore, garantendo ogni possibile misura di sicurezza, è diventata condizione determinante per invogliare i futuri ospiti a non rinunciare all’esperienza di viaggio.

DISTANZIAMENTO SOCIALE

Proprio agli albergatori e a chi gestisce strutture d’accoglienza, ad esempio, sono destinate le soluzioni di alcune startup che si sono specializzate nella gestione a distanza dei check-in e dei check-out. Edgar smart concierge, ad esempio, è un’app dedicata a B&B, case vacanze affittacamere e hotel. Specializzata nel check-in e nel check-out automatizzato è anche Keesy, che integra in un’unica soluzione online la gestione dei documenti degli ospiti, fino alla riscossione del soggiorno e di una serie di servizi collegati, come la possibilità di aprire la porta direttamente attraverso un’app sullo smartphone o quella di poter ritirare le chiavi dell’alloggio prenotato in un locker o scegliendo un punto di ritiro tra quelli convenzionati. Funzionalità simili quelle messe a disposizione da Vikey, una soluzione grazie alla quale l’ospite - dopo essersi registrato online - può aprire la porta direttamente tramite l’app. Allo stesso modo anche il proprietario può aprire la porta da remoto all’arrivo dell’ospite, gestendo comodamente dal proprio smartphone l’apertura sia del portone condominiale sia della porta della stanza o dell’appartamento.

Quanto alla digital concierge adatta a gestire anche strutture di grandi dimensioni, come hotel, villaggi, residence, e circuiti di appartamenti, Scrollidea ha messo a punto un sistema digitale per generare un maggiore upselling contribuendo allo stesso tempo ad alleggerire le richieste dirette al ricevimento.

apertura-porta-app-albergo-diffuso.jpg

AMBIENTI IGIENIZZATI E GITE IN BARCA A VELA

Gestire tramite un’app l’igienizzazione e la sanificazione degli ambienti può essere un servizio decisivo per semplificare attività come quelle dei bed and breakfast o delle case vacanze. Con quest’obiettivo sono nate startup come Maid for a Day, che mette a disposizione servizi di pulizia senza vincoli e con una semplice richiesta online.

Per chi poi non vuole rinunciare a una vacanza in barca a vela e vuole avere un quadro delle attività disponibili, verificando le misure di sicurezza e scegliendo tra una serie di proposte è nata Sailsquare, app che mette in contatto direttamente i viaggiatori con gli skipper. L’app consente di scegliere tra il noleggio di barche con skipper, vacanze in flottiglia e una serie di soluzioni nei luoghi naturalisticamente incantevoli della penisola e all’estero.

ITALIA AL CENTRO DELL’ATTENZIONE

A incentivare e rendere più semplice l’organizzazione di vacanze in Italia hanno dedicato i loro sforzi una serie di startup, che si tratti di soggiorni al mare, in montagna o nelle città d’arte.

Tra queste CleanBnB, che mette a disposizione di chi voglia mettere in affitto breve una casa o un appartamento, la consulenza di un team di esperti per la gestione dell’immobile, proponendo una formula senza costi fissi.

Italianway propone dal canto suo destinazioni in tutta Italia e ha aggiunto alla ricerca un filtro specifico per chi voglia essere sicuro di soggiornare in alloggi sanificati per non correre rischi legati al contagio da coronavirus, tra case vacanze e ville sparse nei luoghi più suggestivi del Paese.

Per chi è in cerca di orignalità Wonderful Italy promette soggiorni “in luoghi non comuni”, e ha ideato un protocollo per la sicurezza sanitaria che viene rispettato in tutti gli alloggi proposti.

ragazza-con-mappa-e-smartphone.jpg

IL MARKETING TERRITORIALE PER RILANCIARE IL TURISMO

Un oggetto ormai caduto nel dimenticatoio potrebbe svolgere un ruolo da protagonista nel rilancio del turismo: la cartolina. È l’idea alla base di Pem, la startup che ha pensato a un servizio rivolto a tour operator, aree archeologiche, destination marketing organizations, destination management companies, strutture ricettive, organizzatori di eventi, manifestazioni e portali che si occupano di biglietterie online: la brandizzazione delle foto personali scattate da clienti, ospiti e turisti, che poi potranno essere spedite a casa, ad amici e conoscenti contribuendo a far conoscere i luoghi e le strutture visitate. Gli ospiti che sceglieranno di inviare questo genere di cartoline dovranno inquadrare un Qr Code che potrà contenere un codice sconto o un’offerta, dando vita così a una campagna di marketing diretto.