Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Sfusitalia: il motore di ricerca per acquisti senza imballaggi ed eco-friendly

  1. Home
  2. Life
  3. Sfusitalia: il motore di ricerca per acquisti senza imballaggi ed eco-friendly

È stato ideato da Ottavia Belli e consente di individuare i negozi “alla spina” più vicini. Per generare cambiamenti a lungo termine partendo dai piccoli gesti

Facilitare la vita a chi decide di improntare alla sostenibilità la propria esperienza quotidiana di consumatore, scegliendo di comprare prodotti sfusi e quindi di evitare gli imballaggi superflui e limitare la circolazione di plastica. E’ l’obiettivo attorno al quale è nato Sfusitalia, il motore di ricerca tutto italiano che consente di localizzare i negozi più vicini che vendono prodotti “alla spina”. L’idea della founder, Ottavia Belli, giovane laureata in Cooperazione Internazionale e Sviluppo e appassionata di ripristino degli ecosistemi, è stata di mettere a disposizione un punto d’incontro tra consumatori responsabili, compreso chi per la prima volta si avvicina a questo mondo, e i negozianti che hanno adottato la filosofia della rinuncia agli imballaggi superflui.

 

SFUSITALIA, TROVA IL NEGOZIO PIÙ VICINO A CASA

Nasce così una rete che è in grado di fare da amplificatore alle ragioni del consumatore che sceglie i prodotti alla spina, dalla praticità alla convenienza economica, mettendo gli utenti nelle condizioni di superare la prima barriera: la disponibilità e la conoscenza dei punti vendita a cui rivolgersi. La scintilla da cui è nata l’iniziativa è quella di facilitare una serie di piccoli gesti quotidiani che possano generare cambiamenti sostanziali se proiettati nel lungo termine.

La filosofia dei prodotti sfusi è quella di mettere in commercio prodotti senza imballaggio che vengono venduti a peso, tornando in qualche modo all’antico e alle botteghe che un tempo vendevano proprio utilizzando questa modalità. La gamma di prodotti e quindi di negozi specializzati sta iniziando a crescere e a occupare tutti i principali segmenti di mercato, dall’alimentare (pasta, cereali, legumi, frutta, verdura, caffè, ecc) ai prodotti per la casa (detersivi e ammorbidenti), dai cosmetici (shampoo, balsamo, sapone per le mani e prodotti per bambini) all’erboristeria (tè, infusi, erbe officinali e spezie), fino ai prodotti destinati alla cura degli animali domestici.

PERCHÈ SCEGLIERE SFUSO 

Ma quali sono i principali motivi che portano a scegliere di utilizzare prodotti sfusi? Innanzitutto la sensibilità verso l’ambiente, dal momento che la maggior parte del cibo e dei prodotti che usiamo quotidianamente è confezionata con packaging monouso. Questo comporta un dispendio di risorse naturali oltre che un ingente consumo di energia per la produzione del packaging, il trasporto, l’imballaggio e lo smaltimento. La scelta di prodotti sfusi consente così di ridurre drasticamente la quantità di imballaggi monouso, con effetti positivi sulle emissioni di CO2 e sulla diminuzione della produzione di rifiuti. A lungo termine questo vorrebbe dire, soprattutto se la scelta sarà adottata da un numero crescente di consumatori, meno plastiche e microplastiche nei mari e un ambiente più salubre per i pesci. Al di là della sostenibilità, in ogni caso, c’è anche da considerare la convenienza: acquistare prodotti sfusi infatti ha un effetto positivo sul bilancio familiare, perché consente di acquistare esattamente la quantità necessaria di ogni prodotto, evitando sprechi.

Tutto questo riporta alla “regola delle tre erre”, che riassume i tre comportamenti essenziali per ridurre l’impatto ambientale della nostra vita rispettando la natura. La prima erre è quella di “riduci”, e propone di ridurre la quantità di rifiuti che produciamo. Poi “Riusa”, un altro comportamento che mira a far rimanere in circolazione gli oggetti prima di eliminarli. Il consumo di prodotti sfusi va proprio in questa direzione, consentendo di utilizzare più di una volta i contenitori “ricaricandoli” con i prodotti alla spina. E infine “ricicla”: se non sono riutilizzabili, i prodotti vanno riciclati tramite la raccolta differenziata, pratica che permette di ridurre il consumo di materie prime e di energia.