Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Innovazione, contributi a fondo perduto a pmi e startup del Nord

  1. Home
  2. What's next
  3. Innovazione, contributi a fondo perduto a pmi e startup del Nord

Vari i settori interessati dalle agevolazioni: dalla cultura al manifatturiero, ai servizi. Possono partecipare micro e piccole imprese, individualmente o in rete

Innovazione come fattore comune per lo sviluppo delle imprese italiane. Sono centrate sull'impiego delle nuove tecnologie due iniziative delle Camere di commercio lombarde e della Regione Emilia-Romagna. Nel primo caso pmi ma anche associazioni ed enti pubblici possono partecipare al bando Innovacultura, che mette a disposizione fino a 60 mila euro di contributi a fondo perduto. Sale invece a 100 mila euro il tetto per il bando dedicato alle start up innovative dell'Emilia Romagna e pubblicato dalla Cna di Forlì e Cesena.

 

CULTURA: 60 MILA EURO A FONDO PERDUTO IN LOMBARDIA

Innovacultura è il bando della Regione Lombardia con le Camere di Commercio e Fondazione Cariplo che dà alle imprese del settore cultura finanziamenti a fondo perduto fino a 60 mila euro. Con un budget complessivo di 1.358.600,00 euro l’iniziativa si propone di sostenere non solo le micro e piccole aziende culturali e creative, ma anche gli enti locali o le associazioni che gestiscono teatri, ludoteche e spazi simili. Anche le università possono fare domanda. Si può partecipare al bando individualmente o in rete.

Nella sola città di Milano risiede circa il 60% delle imprese di cultura attive in Lombardia: in totale 14 mila pmi che si occupano di editoria, pubblicità, formazione, arte e danno lavoro a 81 mila addetti. Un settore già solido – secondo la Camera di commercio le famiglie milanesi nel 2013 hanno speso più di 460 milioni di euro per cinema, teatri, concerti, musei e libri – che si vuole rafforzare anche in vista di Expo 2015.

I progetti finanziabili da Innovacultura, come specificato nel bando online, devono avere come obiettivo quello di ampliare il pubblico degli eventi culturali in Lombardia, anche attraverso l’utilizzo della tecnologia. Le domande di partecipazione devono essere inviate via posta elettronica certificata, a Unioncamere Lombardia unioncamerelombardia@legalmail.it entro le ore 12:00 del 17 dicembre 2014. I contributi, a fondo perduto, saranno erogati da Unioncamere Lombardia a fronte di rendicontazione e a copertura dell’80% delle spese ammissibili, con un tetto di 40 mila euro per le imprese singole e 60 mila per quelle in rete.

 

START UP INNOVATIVE: FINO A 100 MILA EURO IN EMILIA ROMAGNA

Manifattura, costruzioni, servizi di informazione e comunicazione e attività professionali e tecniche: sono i settori che possono beneficiare del bando della Regione Emilia-Romagna per le start-up. Fino al 31 marzo 2015 le pmi – con il requisito fondamentale di essere iscritte al registro speciale per le imprese innovative della Camera di commercio – possono presentare domanda di partecipazione al bando. Il contributo finanziario arriva a 100 mila euro, a copertura del 60% delle spese ammissibili. È prevista anche una maggiorazione del 10% per i progetti che, una volta realizzati, avranno garantito almeno tre nuove assunzioni.

Il bando completo e i contatti per informazioni sono disponibili sul sito della Cna di Forlì-Cesena.

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Energie Sensibili seguici su Facebook Twitter.