Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Emilia-Romagna, boom di domande per il Fondo Energia

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Emilia-Romagna, boom di domande per il Fondo Energia

Ad oggi 32 piccole e medie imprese regionali hanno richiesto di accedere ai finanziamenti per un totale di quasi 5 milioni di euro. Per le altre c’è tempo fino al 29 aprile 2013

Buone notizie per le piccole e medie imprese emiliane. Il fondo rotativo di finanza agevolata per la green economy ha fatto già segnalare un record a sole due settimane dalla sua attivazione. Le risorse impiegate sfiorerebbero, infatti, i 5 milioni di euro.

 

La misura, gestita da Confidi Unifidi-Fidindustria, è cofinanziata dal Por Fesr 2007-2013. L’obiettivo dei contributi è quello di sostenere gli investimenti delle aziende regionali in efficienza energetica e fonti rinnovabili, oltre che nelle tecnologie in grado di agevolare la riduzione dei consumi. Al centro del provvedimento, anche la promozione di nuovi soggetti operanti nel campo dell’economia verde.

 

Il fondo concede finanziamenti agevolati con provvista mista, dalla durata massima di 4 anni, nella misura minima di 75 mila euro e in quella massima di 300 mila euro a progetto. Possono richiedere la misura le piccole e medie imprese operanti nei settori dell’industria, dell’artigianato e dei servizi alla persona che operino sul territorio dell’Emilia-Romagna.

 

“Abbiamo predisposto questo fondo – ha sottolineato l’assessore regionale alle Attività produttive, Gian Carlo Muzzarelli – coerentemente con le politiche d’intervento della Regione verso le imprese del territorio in tema di green economy, uno dei settori con i più ampi margini di sviluppo. E la risposta del mondo produttivo regionale non si è fatta attendere, segno che, pur in un contesto profondamente segnato dalla crisi economica, la voglia di investire c’è e per questo abbiamo il dovere di essere al fianco delle imprese che creano lavoro e sviluppo di qualità”.

 

Ad oggi, sono state presentate 32 domande per un totale di 4 milioni e 943 euro. Le aziende che non l’abbiano ancora fatto possono richiedere i contributi entro il 29 aprile 2013 sul sito dedicato.