Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Ces 2018: le innovazioni italiane per le due ruote

  1. Home
  2. What's next
  3. Ces 2018: le innovazioni italiane per le due ruote

Dal sistema per e-bike Zehus che non ha bisogno di ricarica, al braccialetto per una guida in sicurezza

Preparatevi perché lo show di elettronica più atteso dell’anno ha appena aperto le danze. Stiamo parlando del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas che ci inebrierà di innovazione fino al 12 gennaio 2018. Tra aziende che sviluppano tecnologie per la domotica, per la salute e per il puro divertimento ce ne sono alcune che vi consigliamo di tenere d’occhio. I dispositivi hi-tech che vi raccontiamo oggi sono cinque e tutti accomunati da due caratteristiche che a noi piacciono tanto: sono italiane e sono dedicate alle due ruote.

Queste novità della mobilità sono state selezionate, da un comitato scelto dal Ministero dello Sviluppo economico, per raccontare il Made in Italy a tutti gli spettatori del grande show.

 

 

IL BRACCIALE PER CENTAURI SICURI

Centauri più sicuri e che rischiano meno multe, grazie all’innovativo wearable firmato dall’azienda veronese Netgrid. Si tratta di un bracciale, chiamato Woolf, realizzato in pelle, che si collega via bluetooth allo smartphone di chi sta guidando la due ruote. Una volta indossato al polso segnalerà, con piccole vibrazioni, quando è il momento di rallentare perché la strada si fa pericolosa o perché è possibile incontrare autovelox.

Per i più curiosi ne avevamo già parlato qui

WOOLF - L'unico bracciale al mondo dedicato ai veri biker from Netgrid on Vimeo.

 

IL “SENSO SENSO” PER CICLISTI

Non chiamatelo solo freno, perché Sixth Sense è tutt’altro. Si tratta di un vero e proprio sesto senso dedicato a tutti ciclisti, da parte della Blubrake, start up milanese fondata dal giovane ingegnere Fabio Todeschini. Gli appassionati delle due ruote sostenibili, potranno integrare al telaio della bici questo dispositivo elettrico ultraleggero (pesa 280 gr) capace di monitorare le prestazioni della corsa e di aumentare la sicurezza del ciclista.

Sixth Sense aiuta a frenare al meglio, ad esempio se la frenata è eccessivamente forte una vibrazione sulla leva del freno avvertirà il ciclista e, allo stesso tempo, gli suggerirà come modulare la forza.

Oltre alla sicurezza il dispositivo è in grado, grazie a numerosi sensori, di rilevare le performance e notificarle allo sportivo tramite app dedicata, scaricabile sullo smartphone.

  

SOSPENSIONI SMART

Vola al CES 2018 la startup HiRide, presentando al pubblico di Las Vegas il suo Electronic Suspension System. Si tratta di un sistema di sospensione smart in grado letteralmente di “leggere” le condizioni della strada, preparando il telaio a ogni tipologia di percorso. In meno di 20 ms è capace di preparare gli ammortizzatori ad affrontare una strada asfaltata o il terreno più sconnesso.

 

IL ROBOTTINO PONY EXPRESS

Preparatevi a vedere in giro per le città italiane un simpatico robot che si muove autonomamente. Stiamo parlando di un altro protagonista italiano al CES 2018, Yape. Acronimo di Your Autonomous Pony Express, identifica il futuro (molto prossimo) delle consegne a domicilio. Si tratta di un piccolo veicolo elettrico autonomo per lo urban delivery, totalmente Made in Italy.

Yape ha un’autonomia di circa 80 km e riesce ad adattarsi perfettamente alle condizioni e agli spazi della città: può muoversi sul marciapiede a massimo 6 km/h o su pista ciclabile fino a 20 km/h.

Se avete bisogno di una consegna rapida (che non superi i 70 kg) chiamate il vostro piccolo pony express direttamente dall’app dedicata, scaricabile sul vostro smartphone.

 

IL SISTEMA PER E-BIKE SENZA RICARICA

Al CES 2018 è arrivata anche l’innovazione fresca fresca di Zehus, spin off del Politecnico di Milano. Si tratta di un sistema Made in Italy completamente integrato realizzato per e-bike a pedalata assistita. La vera novità di Bike+ è che la bicicletta elettrica non ha bisogno di essere ricaricata, perché il meccanismo è in grado di immagazzinare l’energia prodotta durante la pedalata e di rilasciarla durante la partenza o in salita.