Sorgenia
cerca
Accedi accedi

7 soluzioni hi-tech per abbattere lo smog

  1. Home
  2. What's next
  3. 7 soluzioni hi-tech per abbattere lo smog

Dalla vernice Made in Italy che purifica l’aria, alla nuova tecnologia che cattura la CO2 e la converte in combustibile da riutilizzare per creare nuova energia

Immaginate di poter “raccogliere” lo smog e trasformarlo in un inchiostro per scrivere o in combustibile. Immaginate, anche, di poter verniciare la vostra casa con un prodotto in grado di eliminare tutti gli agenti nocivi presenti nell’aria. Queste e altre piccole soluzioni innovative sono oggi realtà: utilizzate in opere architettoniche avanguardistiche o nell’ambito di ricerche scientifiche, la loro diffusione capillare potrebbe aiutare a sconfiggere uno dei più gravi problemi delle città. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, la presenza di aria inquinata causa ogni anno circa 13 milioni di morti.

 

QUANDO GLI SCARICHI DELLE AUTO DIVENTANO INCHIOSTRO

Dalla Cina, il Paese più inquinato al mondo, arriva una piccola idea che potrebbe ripulire parte dello smog che produciamo andando in macchina. I ricercatori del MIT Media Lab hanno ideato Air-Ink, il primo inchiostro prodotto dalla fuliggine di carbone che esce dagli scarichi delle nostre macchina. Con un pennarello da 30 ml di inchiostro potete cancellare quei 45 minuti d’inquinamento atmosferico che avete prodotto per andare a fare shopping.

Per saperne di più, leggi: “Air-ink, l’inchiostro pulito prodotto con l’inquinamento”  

 

QUANDO VERNICIARE LA PARETE AIUTA A ELIMINARE LO SMOG

“Trasforma la tua casa in un depuratore naturale” è quello che promettono gli ideatori di Airlite, la start up italiana che ha creato una vernice molto particolare. Si tratta di un prodotto 100% naturale che, con un solo tocco di pennello, permette di eliminare le sostanze nocive (VOC, NOx e batteri), che respiriamo ogni giorno. Airlite riduce l’inquinamento atmosferico, neutralizzando ossido di azoto, riportando l’aria al suo stato di purezza. Inoltre, questa vernice made in Italy, permette di neutralizzare i cattivi odori della casa, eliminare il 99,9% dei batteri presenti in casa e respingere muffa e sporco.

Vi sembra troppo? Non è ancora finito l’elenco di prestazioni di cui è capace questa vernice “magica”, perché va aggiunta la sua capacità di tagliare i costi energetici. Come? Riducendo la quantità di calore assorbita dalle pareti della vostra casa, permettendovi di risparmiare fino al 50% sui costi dei condizionatore.

 

LE PIASTRELLE CHE ASSORBONO LO SMOG

Un potente mezzo per ridurre lo smog è, e sarà, il rivestimento modulare in biossido di titanio, creato da due designer Daniel Schwaag e Allison Dring della Elegant Embellishments. Questa strana griglia, che dalle forme ricorda un corallo marino, è realizzata dall’unione di diverse piastrelle che si attivano con i raggi ultravioletti. Gli UVA “risvegliano” le nano particelle di biossido di titanio, trasformando l’ossido di azoto contenuto nell’aria in sali minerali innocui, che verranno poi disciolti nel terreno. Il tutto senza alcuna conseguenza negativa per l’ambiente. Questo rivestimento ha un altro pregio: il gradevole impatto estetico. Vedere, per credere, la Torre de Especialidades di Mexico City. 

Hospital_torre_de_especialidades.jpg 

I GIARDINI VERTICALI IN GIRO PER LA CITTÀ

Dalla Germania arriva CityTree, una soluzione efficace contro lo smog e allo stesso tempo molto bella da vedere. Si tratta di un grande quadro con all’interno muschi e licheni, in grado di catturare 240 tonnellate di CO2 l’anno, l’equivalente in emissioni dello smog prodotto da 417 auto (dati forniti dalla start up che l’ha creato, Green City Solutions). Il lavoro di questa parete verticale è lo stesso che potrebbero fare circa 300 alberi.

 

E SE L’INQUINAMENTO SI POTESSE “SFRUTTARE”?

Dalla Germania al Canada. Qui una startup ha deciso di combattere l’inquinamento semplicemente riutilizzandolo. La Carbon Engineering ha realizzato una nuova tecnologia che cattura la CO2 e la ricicla per produrre combustibili sintetici riutilizzabili per produrre altra energia. L’impianto è capace di raccogliere una tonnellata di anidride carbonica al giorno, esattamente l’emissione di 15 veicoli.

 

 

IL TESSUTO CHE ELIMINA L’INQUINAMENTO

Tutta italiana è invece la fibra capace di assorbire e abbattere gli inquinanti presenti nell’aria. Un grande respiro per tutti grazie a The Breath, un tessuto multistrato sviluppato da Anemotech in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche. Utilizzare questa soluzione innovativa in città, installandola sui ponteggi o come cartelloni pubblicitari, abbatterebbe l’inquinamento annuo da biossido d’azoto generato da più di 1,8 milioni di vetture diesel e di 4,6 milioni di auto a benzina.

 

IL CEMENTO CHE MANGIA LO SMOG

Ha il nome di un super eroe, Tx Active, lo speciale cemento in grado di “mangiare” lo smog. Sviluppato dall’Italcementi, questo prodotto è in grado di abbattere gli inquinanti presenti nell’aria. Come lavora? Il materiale è rivestito da uno strato di titanio che accelera l’ossidazione degli inquinanti nell’aria, rendendo lo smog “innocuo” per l’uomo e per l’ambiente.