Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Efficienza energetica, la tecnologia Made in Italy per l'illuminazione

Si chiama SmartLight e promette di tagliare fino al 90% i consumi energetici con tempi di ammortamento bassissimi, circa un anno

Ridurre fino al 90% il consumo di illuminazione artificiale attraverso sistema intelligente e facile da installare. Si presenta nel mercato delle tecnologie per l’efficienza energetica con questa promessa Smartlight, tecnologia in grado di leggere le condizioni dell’ambiente per regolare la luminosità degli apparati. Ideata da Greentronics, azienda italiana operante nel settore dell’innovazione, consiste in un dispositivo elettronico da applicare a lampade e luminarie. Lo scopo è quello di monitorare i consumi per gestirli in maniera efficiente. I risultati del suo utilizzo sono evidenti in poco tempo. Smartlight  è infatti  la tecnologia con il minor tempo di ammortamento: circa un anno in media (ma in alcuni casi è di soli 5 mesi), un periodo quattro volte inferiore a quello di tecnologie analoghe, come ad esempio il Led.

 

COME FUNZIONA SMARTLIGHT

Smartlight consiste in un dispositivo hardware da associare agli impianti di illuminazione artificiale. Si istalla lungo l’impianto, in prossimità del punto luce che deve regolare. Il suo microprocessore riconosce il dispositivo su cui viene applicato e ne cattura le informazioni relative al suo utilizzo. Tramite un algoritmo di controllo implementato nel software, Smartlight ne gestisce in automatico l’accensione e lo spegnimento in funzione delle necessità di illuminazione dell’ambiente in cui è installato e delle necessità delle persone presenti in quel determinato ambiente.

 

IL RISPARMIO ENERGETICO

I produttori di Smartlight hanno stimato che l’energia risparmiata in un anno soltanto sul territorio italiano sarebbe pari a quella prodotta da cinque centrali nucleari di media potenza.

Dai test effettuati, un albergo che utilizzasse questa tecnologia per tutto il suo impianto di illuminazione potrebbe conseguire un risparmio energetico del 70%, riuscendo a ripagare l’investimento in un solo anno. Un parcheggio sotterraneo addirittura il 97%, con un payback dell’investimento di soli 5 mesi.

Anche la Pubblica Amministrazione riuscirebbe a tagliare drasticamente le propria bolletta energetica. Sempre secondo i test effettuati da    Greentronics, se d essere monitorate con Smartlight fossero le luci di una scuola il risparmio energetico sarebbe pari al 52% dei consumi. Se applicato a tutti gli edifici della PA, sottolineano i produttori, “lo Stato già dopo un anno dall’installazione andrebbe a risparmiare diverse centinaia di milioni di euro ogni anno”.

 

Leggi anche L’illuminazione pubblica smart per risparmiare 400 milioni di euro

 

I BENEFICI AMBIENTALI DI SMARTLIGHT

Oltre al risparmio e all’efficientamento energetico, Smartlight ha importanti ripercussioni anche sull’ambiente. Prima di tutto è interamente riciclabile e non contiene sostanze chimiche tossiche o dannose all'ambiente. In secondo luogo, nell’analisi relativa all’impatto ambientale del prodotto, gli ideatori sottolineano la bassa incidenza del trasporto, perché trattandosi di piccole schede elettroniche e non di prodotti pesanti o voluminosi, la consegna sul luogo finale di installazione richiede un costo a singolo pezzo minore e quindi molta meno energia rispetto tanti altri sistemi di efficientamento energetico.

 

UN SISTEMA UNIVERSALE

Dalle lampade alogene a quelle fluorescenti, il dispositivo di Greentronics è compatibile con una grande varietà di impianti di illuminazione. Proprio per questo motivo può essere installato in ambienti anche molto diversi tra loro: abitazioni, uffici, magazzini, garage, alberghi, ristoranti, supermercati, scuole, centri commerciali, condomini, aeroporti, stazioni ferroviarie, ecc.

Altro punto di forza di questa tecnologia Made in Italy è la sua versatilità. Secondo quanto riferito dal Gse – che l’ha premiata come “la migliore soluzione per l’efficienza energetica negli impianti di illuminazione” - Smartlight può essere utilizzato “in tutti gli stati del mondo”, dato che la “tensione di alimentazione varia da 110Vac a 230Vac”.