Sorgenia
Accedi accedi

Ecobonus, la detrazione fiscale del 65% anche per l’amianto

La proposta della Commissione Ambiente della Camera prevede che l’incentivo venga esteso anche alle opere di rimozione dai condomini

L’Ecobonus potrebbe ampliare nuovamente il proprio spettro d’azione. Dopo essere stata estesa alla domotica, la detrazione fiscale del 65% dedicata all’efficienza energetica potrebbe a breve riguardare, infatti, anche la bonifica dell’amianto dai condomini. Le opere di rimozione del pericoloso materiale, però, devono far parte di un progetto complessivo che porti al miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio. È quanto previsto da un emendamento dalla Legge di Stabilità 2017, approvato dalla Commissione Ambiente alla Camera, per cui si attende l’approvazione della Commissione di Bilancio.

 

ECOBONUS PER L’AMIANTO, I DETTAGLI

La possibilità di usufruire dell’Ecobonus per la rimozione dell’amianto sarà a disposizione, dunque, solo per i condomini, secondo quanto attualmente stabilisce il testo, in attesa di una sua definitiva approvazione. Altra condizione, come accennato, è che la detrazione fiscale del 65% sia utilizzata per finanziare opere che nel complesso portino al miglioramento dell’efficienza energetica.  La proposta della Commissione Ambiente prevede, inoltre, un tetto massimo all’importo detraibile, attualmente fissato a quota 100.000 euro. Si potranno detrarre le spese sostenute dal primo gennaio 2017 al 31 dicembre 2018.

 

L’ALTRO BONUS PER L’AMIANTO 

Sempre la Commissione Ambiente ha, infine, dato il proprio via libera a un altro strumento di incentivazione alla rimozione dell’amianto: il bonus del 50% per la bonifica dei fabbricati rurali che non siano adibiti ad uso abitativo, compresi rimessaggi e ricoveri dell’attività agricola. Anche in questo caso è previsto un tetto (100.000 euro), mentre il periodo di riferimento va dal primo gennaio 20917 a fine 2019.