Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Conto termico 2017, attivo il fondo per l’efficienza energetica

Il Gse può rimborsare fino al 65% delle spese sostenute per interventi di miglioramento dell’efficienza energetica. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Anche per il 2017 è attivo il Conto termico, un pacchetto di incentivi creati ad hoc per promuovere quei piccoli interventi che migliorano l’efficienza energetica della nostra casa. Il Gestore dei servizi elettrici dispone di un fondo annuale che ammonta a 900 milioni di euro da dividere tra Pubblica Amministrazione, imprese e privati. Attraverso il portale PortalTermico è possibile fare domanda entro 60 giorni dalla fine dei lavori. Ecco una breve guida che vi aiuterà a sfruttare il Conto termico 2017. 

 

CONTO TERMICO 2017: COS’È

Il Conto termico 2017 è un pacchetto di incentivi istituti dal Ministero dell’Economia e Finanze, con il D.M. del 28 dicembre 2012, al fine di promuovere interventi per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici già esistenti. Queste agevolazioni sono state create per incentivare anche la produzione di energia da fonti rinnovabili e l’efficienza energetica.

L’ente che si occupa di erogare questi fondi è il Gestore dei servizi elettrici. Il Ges ha reso disponibile sul suo sito Portaltermico, il portale in cui inserire tutta la documentazione necessaria a richiedere il conto termico. Il Conto termico 2017 viene corrisposto in rate annuali costanti e della durata compresa tra i 2 ai 5 anni, oppure in un’unica soluzione, nel caso in cui l’incentivo non superi i 5.000 euro.

conto termico.jpg 

CONTO TERMICO 2017: LE PERCENTUALI INCENTIVATE

Attraverso il Conto termico del 2017, il Gse è in grado di erogare incentivi per massimo il 65% delle spese sostenute, in base alla tipologia di intervento.

-          fino al 65% della spesa sostenuta per gli "Edifici a energia quasi zero" (nZEB). Per pompe di calore, caldaie e apparecchi a biomassa, sistemi ibridi a pompe di calore e impianti solari termici;

-          fino al 50% per gli interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F e fino al 55% nel caso di isolamento termico e sostituzione delle chiusure finestrate, se abbinati ad altro impianto (caldaia a condensazione, pompe di calore, solare termico, ecc.);

-          fino al 40% per gli interventi di isolamento di muri e coperture, per la sostituzione di chiusure finestrate, per l’installazione di schermature solari, l’illuminazione di interni, le tecnologie di building automation, le caldaie a condensazione.

 

CONTO TERMICO 2017: CHI PUÒ BENEFICIARNE

I beneficiari che possono richiedere il Conto termico 2017 sono Pubbliche Amministrazioni, imprese e privati che potranno accedere a fondi pari a 900 milioni di euro annui, di cui 200 destinati alla PA e 700da dividere tra privati ed imprese.

CONTO TERMICO 2017: GLI INTERVENTI COMPRESI

Anche per il 2017, nel Conto termico, sono inseriti tutti gli interventi che puntano al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici. Tra questi sono compresi: coibentazioni, sostituzione dei serramenti, installazione schermature solari, caldaie a condensazione, pompe di calore, stufe e camini a biomassa, impianti solari termici e tecnologia solar cooling.

CONTO TERMICO 2017: COME ACCEDERE AGLI INCENTIVI

Per la richiesta diretta del Conto termico 2017, PA e soggetti privati devono presentare la domanda entro 60 giorni dalla fine dei lavori. Tramite Portaltermico il soggetto richiedente carica i dati tecnici e anagrafici relativi all’intervento. Una volta confermati i dati e sottoscritta la domanda, il portale invierà direttamente la richiesta al Gse che provvederà ad erogare gli incentivi.

 

CONTO TERMICO: MODULI DA PRESENTARE

Per richiedere il Conto termico 2017 è necessario allegare alla documentazione, attraverso il PortalTermico, i seguenti moduli:

-          modello di dichiarazione di avvio dei lavori;

-          modello di dichiarazione di conclusione dell’intervento;

-          modello di asseverazione dell’intervento, sottoscritta in originale da un tecnico abilitato alla progettazione di edifici ed impianti;

-          modello di dichiarazione delle spese sostenute (compresi fatture e bonifici) per la realizzazione dell’intervento.