Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Clint Eastwood sindaco, è successo davvero

Un primo cittadino d’eccezione per Carmel by the sea, paesino californiano dalla sembianze e dalle regole un po’ stravaganti

Clint Eastwood nella vita ha recitato molte parti da regista, attore e musicista, senza mai perdere quell’inconfondibile sguardo da burbero. Chissà i cazziatoni a chi gettava le cartacce per strada. Già, perché forse non lo sapete, ma il mitico Clint è stato anche sindaco. È tutto vero e non stava recitando in un uno dei suoi film. Per ben due anni, dall’8 aprile del 1986 al 1988 ha indossato la fascia del primo cittadino di una città a misura di hobbit, Carmel By the Sea. Piccola, stravagante e abbracciata dal mare, che da sempre affascina artisti e poeti.

 

Un post condiviso da Visit Carmel (@visitcarmel) in data: 6 Mar 2017 alle ore 14:41 PST

 

SINDACO PER DUE ANNI

Burbero, schivo, pistolero, Clint lo abbiamo visto vestire i panni di molti personaggi, in oltre 50 film. La fascia da sindaco gli mancava e decise di guadagnarsela nella piccola cittadina californiana di Carmel By the Sea. In quell’anno scelse di candidarsi solo per il bene di quel piccolo paradiso terrestre. Lo stipendio non era alto (200 dollari al mese) e non aveva altre aspirazioni politiche.

È stato eletto sindaco l’8 aprile del 1986 con il 72% delle preferenze. La sua campagna elettorale ebbe tanto successo da ricevere i complimenti del Presidente degli Stati Uniti del tempo, Ronald Reagan. Lo stesso Clint ha dichiarato che la decisine da sindaco di cui è più orgoglioso è la costruzione della prima biblioteca dedicata ai bambini.

 

CARMEL BY THE SEA

Ma perché Clint Eastwood tiene molto a Carmel? Sicuramente per l’atmosfera fiabesca e per le abitazioni che ricordano quelle degli hobbit del Signore degli anelli. Il 60% delle case sono state costruite dai cittadini stessi, con particolari velleità artistiche. Ma non ci troviamo nella Terra di Mezzo, siamo sulla costa del Pacifico, dove si alternano spiagge bianche a costoni verdeggianti.

Con i suoi 3.722 abitanti e la sua superficie di 2,8 kmq è stata la residenza anche di altri nomi noti, come Kim Novak, Doris Day e l’ex coppia Brad Pitt e Jennifer Aniston. Sarà perché si trova tra due città a misura di Vip: San Francisco e Los Angeles (200 a sud km da San Francisco e 600 a nord della Città degli Angeli).

 

UN PAESE DI POETI, ATTORI E REGISTI

Da quando è stata fondata, alla fine del 18esimo secolo da missionari spagnoli, Carmel è sempre stata attrattiva per numerosi artisti. Molti di loro, poeti e attori hollywoodiani, hanno guidato il consiglio comunale del paesino. Quindi non solo Clint Eastwood ma molti altri hanno scelto di candidarsi a sindaco per il bene di questo luogo da favola.

 

Un post condiviso da Visit Carmel (@visitcarmel) in data: 2 Feb 2017 alle ore 11:38 PST

 

LE LEGGI ASSURDE DI CARMEL

Carmel non è stravagante nella struttura ma anche nelle sue regole. Due in particolare ci hanno colpiti. La prima delle norme, introdotta nel 1920, è quelle che vieta di indossare scarpe con un tacco più alto di 5 cm. La ragione? Evitare le storte alle caviglie per tutti i cittadini che camminano sui marciapiedi irregolari per colpa delle radici delle piante centenarie. Altra regola assurda è quella che proibisce la vendita dei gelati per strada.

 

IL RESORT DI CLINT

Clint Eastwood è molto legato alla sua Carmel tanto da essersi comprato un hotel tutto suo, fondato nel 1852 da un nativo. Se cercate il burbero regista, potete sempre vedere se fa il turno da receptionist al suo Mission Ranch hotel, un albergo molto carino, circondato da otto ettari di giardino e con a disposizioni 31 camere. Un posto dove ritrovare se stessi. Tutto molto bello, il prezzo un po’ meno: circa 300 dollari a notte.

 

Un post condiviso da June Ackermann (@julierella_june) in data: 20 Mag 2016 alle ore 14:53 PDT

Immagine di copertina By movie studio (eBay) [Public domain], via Wikimedia Commons