Sorgenia
Accedi accedi

10 giochi del Game Boy che vorremmo oggi

Tetris, Super Mario, Zelda. Titoli indimenticabili con cui la prima consolle portatile della Nintendo ci ha salvato da bambini nei lunghissimi viaggi in macchina

Correva l’anno 1989 e molti bambini ricevettero, a Natale o per il proprio compleanno, un tozzo parallelepipedo con due bottoni rossi e una crocetta nera. Aveva uno schermo dalla luce verdastra ed emetteva una cacofonia di suoni simili allo squittio di un topo. Era il Game Boy e fece la felicità di quei bambini.

Bambini che ora sono cresciuti. Anche le tecnologie videoludiche intorno a loro sono cresciute, forse più in fretta: grafica 3D, Realtà Virtuale, video in 4k, piattaforme la cui potenza si misura in teraflops. Siamo lontani anni luce dalla nostra prima consolle portatile, che funzionava con quattro semplici stilo AA.

Eppure, alzi la mano chi non ha mai goduto della compagnia del Game Boy in sala d’attesa dal dottore (o peggio dal dentista). O non ha preservato la propria sanità mentale in fila con la mamma alla Posta. O nei pomeriggi interminabili a casa della pro-prozia Matilde. Senza parlare dei lunghi, lunghissimi viaggi in macchina con tutta la famiglia.

I giochi erano semplici, se paragonati con quelli di oggi, ma costituivano sempre una sfida emozionante per la nostra intelligenza, i nostri riflessi e le capacità fisiche delle nostre falangi. Ecco allora una top ten dei giochi più belli per Game Boy che forse anche oggi farebbero la felicità dei bambini (soprattutto quelli cresciuti).

 

TETRIS

Questo gioco, inventato dal russo Aleksej Pažitnov nel 1985, era incluso nei primi modelli venduti del Game Boy. Inutile dire che aiutò non poco la consolle portatile ad entrare nel cuore del pubblico. Oggi ne esistono infinite versioni, ma non c’è programmatore che non vorrebbe essere l’autore di questa idea semplice quanto geniale.

 

SUPER MARIO LAND

La serie di Super Mario dedicata al Game Boy è leggendaria. Affascinante, complessa, difficilissima. In quale altro caso, oggi, ricomincereste daccapo per la millesima volta per aver sbagliato un solo, maledetto, salto?

 

THE LEGEND OF ZELDA: LINK’S AWAKENING

Link, insieme a Mario, è il simbolo stesso della Nintendo. Oggi servono effetti speciali travolgenti per dare forza al personaggio e al mondo in cui si muove. Ma all’epoca la complessità della trama e del gioco bastavano a renderne un titolo immortale.

 

DONKEY KONG LAND

Il simpatico scimmione su Game Boy era davvero il compagno ideale per le lunghe attese in macchina. Qualcuno si ricorda che Donkey Kong apparve per la prima volta come cattivo della storia?

 

POKEMON ROSSO E BLU

Con Pokemon Go, oggi qualsiasi possessore di smartphone può millantarsi esperto domatore. Ma è solo attraverso il Game Boy che per la prima volta il grosso pubblico poté davvero catturare Pikachu e portarselo a spasso. Se poi avevate il cavo per collegare due Game Boy, al diavolo i giochi online!

 

METROID II: RETURN OF SAMUS

Niente 3D, niente video in 4K, addirittura niente colori. Eppure, con un semplice schermo a fosfori verdi e un audio mono, Metroid II per Game Boy ci immergeva in un’ambientazione fantascientifica mozzafiato con creature aliene spaventose. Oggi è tutto più fico, ma sa di “già visto”.

 

CASTLEVANIA II: BELMONT’S REVENGE

Come Metroid, anche Castelvania II è una conversione da consolle casalinga. Eppure l’ambientazione gotica è coinvolgente, il gioco complesso e la colonna sonora impressionante (considerando sempre gli squittii elettronici del mezzo).

 

MEGAMAN V

Megaman è nato su consolle NES e SNES, anche se sembra la versione “pupazzosa” di Metroid. Ma è un caposaldo della Nintendo, che per la sua prima consolle portatile sviluppò in gioco divertentissimo. Tutto in due semplicissime dimensioni.

 

KIRBY’S DREAM LAND

Il simpatico Kirby è un’altra icona del Game Boy. Nato su portatile, col tempo ha conquistato le maggiori consolle di casa Nintendo. Noi lo ricordiamo con affetto anche in bianco e nero.

 

FINAL FANTASY VI

Se FFVII è per molti gamer esperti il miglior videogioco in assoluto di tutti i tempi, Final Fantasy VI per Game Boy Advance (versione a colori della consolle portatile,  uscita qualche anno dopo) resta un titolo indimenticabile. Gli spettacolari capitoli della saga di questi anni sembrano non avere lo stesso destino.

 

In copertina: remix from “Gameboy” by Gehirnfussel [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/) and “game boy macro 4” by Chris Dlugosz [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/)